Può un lavoratore richiedere l’anticipo della NASPI come era per la mobilità per aprire una attività autonoma?

Può un lavoratore richiedere l’anticipo della NASPI come era per la mobilità per aprire una attività autonoma?

L’articolo 8 della Legge 92/2012 prevede la possibilità che il lavoratore in NASPI richieda la liquidazione anticipata, in unica soluzione, dell’importo complessivo del trattamento ancora da erogare, a titolo di incentivo all’avvio di un’attività lavorativa autonoma o di impresa individuale o per la sottoscrizione di una quota di capitale sociale di una cooperativa.

L’erogazione anticipata non dà diritto alla contribuzione figurativa, né all’Assegno per il nucleo familiare.

Il lavoratore deve presentare all’INPS domanda di anticipazione in via telematica entro 30 giorni dalla data di inizio dell’attività lavorativa autonoma.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 496 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Dimissioni on-line: da questa nuova procedura viene esclusa la possibilità di comunicare preventivamente le dimissioni all'azienda, da confermare poi con l’invio ufficiale del modulo online?

Nulla vieta che il lavoratore comunichi all’azienda, con una forma diversa, le sue intenzioni di recedere. L’importante è che poi proceda con la prescritta comunicazione telematica.

Nel contratto di Apprendistato è obbligatorio il Parere di conformità degli Enti bilaterali?

Il Decreto Legislativo 14 settembre 2011, n. 167, all’art. 2, comma 1, lett. a), stabilisce che il datore di lavoro deve:

Le proroghe in un rapporto a tempo determinato possono essere riviste da una diversa previsione contrattuale?

No, il limite delle 4 proroghe, così come rivisto dal cosiddetto decreto dignità (legge 96/2018), non può essere modificato da una norma di natura contrattuale ordinaria, in quanto il legislatore

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento