Cgia: nell’ultima parte dell’anno 123 mila occupati in più

Cgia: nell’ultima parte dell’anno 123 mila occupati in più
image_pdfimage_print

 

Nell’ultima parte dell’anno si potrà contare su 123 mila nuovi occupati e 36 mila disoccupati in meno. Lo stima l’Ufficio studi della Cgia di Mestre sulla base dei dati previsionali Istat e Prometeia. Nonostante le previsioni siano positive, nel confronto con il secondo semestre del 2016, il gap, rispetto al 2007 (anno pre-crisi), rimane ancora importante.

Rispetto a 10 anni fa, infatti, lo stock medio degli occupati nel secondo semestre di quest’anno sarà inferiore di 142.000 unità mentre i disoccupati saranno 1.447.000 in più.  Se, ad esempio, nel 2007 il tasso di disoccupazione era al 6,1 per cento, quest’anno si attesterà all’11,4 per cento: una quota quasi doppia al dato pre-crisi. Trainata da una congiuntura internazionale favorevole, la ripresa economica in atto comincia a dare qualche segnale positivo, secondo gli Artigiani di Mestre, anche sul fronte del mercato del lavoro.

«Se dal prossimo 1 gennaio terminerà la politica monetaria espansiva, cioè il Quantitative Easing introdotto dalla Bce in questi ultimi anni, molto probabilmente assisteremo a un progressivo aumento dei tassi di interesse che innalzerà il costo del nostro debito pubblico, mentre gli investimenti saranno meno convenienti. Per un Paese come il nostro che ha uno dei debiti pubblici in rapporto al Pil tra i più elevati al mondo – afferma il segretario della Cgia Renato Mason – lo scenario prossimo futuro rischia di risultare, in termini di principali indicatori economici, ancora troppo lontano rispetto all’apice economico di 10 anni fa».

Fonte: Il Messaggero

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

COME CHIEDERE AUMENTI

Riuscire ad ottenere un aumento di stipendio, soprattutto in tempi di crisi, non è sicuramente facile. Ma non è del tutto impossibile. Lo dicono gli esperti di Page Personnel, che

CENTRO CONVENIENZA RICERCA PERSONALE AL SUD

Centro Convenienza è alla ricerca di nuovo personale per i suoi punti vendita. Sono ricercati diversi profili professionali soprattutto nel sud Italia e precisamente nelle regioni di Sicilia, Campania, Calabria. La

Industria 4.0: il MISE presenta il Piano Nazionale

Il Ministro dello Sviluppo Economico ha presentato, nella giornata del 21 settembre 2016, il Piano Nazionale Industria 4.0. Un intervento che prevede investimenti per 13 miliardi di risorse pubbliche fino al

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento