Istat : trend positivo produzione industriale a Giugno

Istat : trend positivo produzione industriale a Giugno
image_pdfimage_print

L’Istat rende noto, con un comunicato, che nel mese di Giugno l’indice destagionalizzato della produzione industriale registra un incremento dell’1,1% rispetto a maggio. Corretto per gli effetti del calendario, i giorni lavorativi sono stati 21 come lo stesso mese dell’anno precedente, l’indice è aumentato in termini tendenziali del 5,3%.

Nella media del secondo trimestre 2017 la produzione è aumentata dell’1,1% nei confronti dei tre mesi precedenti. Nella media dei primi sei mesi dell’anno la produzione è aumentata del 2,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

L’indice destagionalizzato mensile registra variazioni congiunturali positive nei raggruppamenti dell’energia (+5,7%), dei beni intermedi e dei beni di consumo (entrambi +1,3%); segna invece una variazione negativa il comparto dei beni strumentali (-0,3%).

In termini tendenziali gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano a giugno 2017 una crescita significativa per l’energia (+9,8%); aumentano in misura rilevante anche i beni di consumo (+5,6%), i beni strumentali (+5,1%) e i beni intermedi (+4,0%).

In relazione ai diversi settori di attività economica, a Giugno i comparti con la più alta crescita tendenziale sono stati quelli della produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+18,5%), della fabbricazione di mezzi di trasporto (+13,6%), della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+12,1%) e della fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (+10,8%). L’unico comparto che registra un trend in calo è quello dell’industria del legno, della carta e stampa (-1,1%).

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Istat: produzione industriale +3,2% su anno

L’Istat comunica che la produzione industriale è in continua crescita: a novembre è cresciuta dello 0,7% rispetto ad ottobre e del 3,2% su base annua. Nella media del trimestre settembre-

CONGEDO PARENTALE DOPO IL JOB ACT

Dai criteri di fruizione oraria del congedo, a quelli di computo e indennizzo, cumulabilità e flussi delle denunce. Sono  alcune novità introdotte dal decreto attuativo del Jobs Act esaminate dai

Inapp: occupazione sopra 80% con laurea e corsi post-laurea

Un elevato investimento nell’istruzione migliora le prospettive occupazionali dei giovani nell’ingresso al mercato del lavoro, e questo accade a prescindere dall’area di studio svolta e dal titolo di studio. Infatti,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento