LAVORARE DURANTE E DOPO IL CANCRO : una risorsa per l’impresa e per il lavoratore

image_pdfimage_print

cancro

Il tema delle condizioni occupazionali dei malati di cancro rappresenta oggi una questione avente una forte valenza sociale ed un crescente impatto economico per i lavoratori, le imprese ed i sistemi di Welfare.
Infatti, da un’analisi condotta a cura della Fondazione INT di Milano, si stima che ogni anno i nuovi casi di tumore (uomini e donne nella fascia 20-64 anni) sono 9.800 nel Lazio, di cui 9.300 occupati e 17.000 in Lombardia, di cui 16.400 occupati.
Una diagnosi di cancro, già di per sé terribile da affrontare, incide significativamente anche sulla vita lavorativa, sull’occupabilità dei lavoratori ammalati, ma anche sui colleghi e sull’ambiente lavorativo in generale.
E’ questo il tema principale del convegno intitolato “PRO JOB: Lavorare durante e dopo il Cancro”,  tenutosi ieri a Roma e che ha visto la partecipazione, oltre che di rappresentanti di importanti Associazioni del terzo settore, anche di personalità di spicco nell’ambito delle relazioni industriali e di lavoro, di aziende e di importanti Università Italiane, riunitisi per affrontare il delicato tema delle condizioni occupazionali dei malati di cancro. Secondo i dati riportati … continua la lettura su innomediconcetta.org >>

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Garanzia Giovani – siglato protocollo di collaborazione con il Coni

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ed il CONI hanno sottoscritto un protocollo di collaborazione  per dare attuazione alla Garanzia Giovani. Definire un quadro di collaborazione con l’azione del Governo,

IndC onlus : resoconto del primo anno di attività e progetti futuri [Evento 2014]

Si svolgerà il 19 Dicembre prossimo, nella splendida cornice della penisola sorrentina, l’evento 2014 di “una mano sul cuore” organizzato dall’associazione In nome di Concetta Onlus  per  raccogliere fondi a favore

Quadri, ecco i profili più richiesti

Il mondo dei quadri aziendali riserva delle sorprese e, a contraltare degli allarmanti dati sulla disoccupazione, ecco i io profili manageriali la cui richiesta da parte aziendale spesso supera la

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento