Oneri di comunicazione anche nei licenziamenti collettivi con cessazione di attività [Cassazione]

image_pdfimage_print

cassazioneCon sentenza n. 18286 del 25 luglio 2017, la Corte di Cassazione ha affermato che nel caso di licenziamenti collettivi adottati al termine di una procedura collettiva per un’azienda in concordato preventivo, con cessazione totale dell’attività, la comunicazione prevista ex art. 4, comma 9, della legge n. 223/1991 va sempre fatta per dar modo alle organizzazioni sindacali di controllare la legittimità dell’operato come già affermato dalla stessa Corte con la sentenza n. 25737/2016.
Resta, in ogni caso, il dubbio se dal 1° gennaio 2017 la comunicazione debba continuare ad essere inviata alla Regione ed alla Commissione Regionale tripartita, atteso che l’iscrizione nelle liste di mobilità non c’è più.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Cassazione su: limite dei 36 mesi nei contratti a tempo determinato / mancato versamento contributivo in mancanza di chiarimenti, no evasione

* limite dei 36 mesi nei contratti a tempo determinato Con sentenza n. 11374 del 1° giugno 2016, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, definendo la corretta interpretazione dell’art. 2

Valenza della firma per ricevuta sulla busta paga [Cassazione]

Con ordinanza n. 21699/2018, la Corte di Cassazione ha affermato che la firma per ricevuta del lavoratore sulla busta paga, non dimostra l’effettivo pagamento della somma indicata sul documento. I giudici

Criteri distintivi per un contratto a progetto ( Cassazione )

La  Cassazione, con sentenza n. 22289 del 21 ottobre 2014, ha ribadito come ogni attività umana, economicamente rilevante, può essere oggetto sia di rapporto di lavoro subordinato che di lavoro autonomo e che

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento