Oneri di comunicazione anche nei licenziamenti collettivi con cessazione di attività [Cassazione]

image_pdfimage_print

cassazioneCon sentenza n. 18286 del 25 luglio 2017, la Corte di Cassazione ha affermato che nel caso di licenziamenti collettivi adottati al termine di una procedura collettiva per un’azienda in concordato preventivo, con cessazione totale dell’attività, la comunicazione prevista ex art. 4, comma 9, della legge n. 223/1991 va sempre fatta per dar modo alle organizzazioni sindacali di controllare la legittimità dell’operato come già affermato dalla stessa Corte con la sentenza n. 25737/2016.
Resta, in ogni caso, il dubbio se dal 1° gennaio 2017 la comunicazione debba continuare ad essere inviata alla Regione ed alla Commissione Regionale tripartita, atteso che l’iscrizione nelle liste di mobilità non c’è più.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

MISE: voucher per la digitalizzazione delle imprese – dal 15 gennaio via alle domande

Dal 15 gennaio 2018 è possibile accedere alla procedura informatica e compilare la domanda per richiedere, da parte delle micro, piccole e medie imprese, un contributo di importo non superiore a 10

Licenziamento del lavoratore per mancato superamento del periodo di prova

Con la sentenza n. 8237 del 22 aprile 2015, la Corte di Cassazione ha affermato l’illegittimità del licenziamento motivato dal mancato superamento del periodo di prova, qualora il lavoratore abbia svolto già in

INPS: Lavoro Accessorio – domande di rimborso voucher

L’INPS ha pubblicato il messaggio n. 4405 del 7 novembre 2017, con il quale fornisce le informazioni necessarie per le domande di rimborso versamenti Lavoro Accessorio effettuati in data successiva

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento