Oneri di comunicazione anche nei licenziamenti collettivi con cessazione di attività [Cassazione]

cassazioneCon sentenza n. 18286 del 25 luglio 2017, la Corte di Cassazione ha affermato che nel caso di licenziamenti collettivi adottati al termine di una procedura collettiva per un’azienda in concordato preventivo, con cessazione totale dell’attività, la comunicazione prevista ex art. 4, comma 9, della legge n. 223/1991 va sempre fatta per dar modo alle organizzazioni sindacali di controllare la legittimità dell’operato come già affermato dalla stessa Corte con la sentenza n. 25737/2016.
Resta, in ogni caso, il dubbio se dal 1° gennaio 2017 la comunicazione debba continuare ad essere inviata alla Regione ed alla Commissione Regionale tripartita, atteso che l’iscrizione nelle liste di mobilità non c’è più.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Contratto a tutele crescenti : testo definitivo

Il Consiglio dei Ministri licenzia la versione definitiva del contratto a tutele crescenti, apportando alcune modifiche alla versione precedentemente pubblicata. Una delle novità, introdotte dal nuovo testo, è l’applicazione delle nuove tutele anche in

Ministero del Lavoro: cir. 17/2017 – il concetto di quinquennio e biennio mobile e relative modalità di calcolo

La Direzione generale degli ammortizzatori sociali e incentivi all’occupazione, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha emanato la circolare n. 17 del 8 novembre 2017, con la quale

Retribuzioni differenti nei contratti a termine

Con sentenza n. 4911 del 3 marzo 2014, la Corte di Cassazione ha affermato che non è illegittimo il comportamento del datore di lavoro che, in caso di elargizione di gratifiche a titolo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento