Istat: fatturato e ordini in crescita nell’industria

Istat: fatturato e ordini in crescita nell’industria
image_pdfimage_print

Dopo il buon segnale delle stime del Fondo Monetario Internazionale, anche i dati sulla produzione industriale, in particolare fatturato e ordini, del nostro Paese ci danno indicazioni molto positive. Il trend, infatti, ricalca un po’ quello del mese precedente in cui i numeri percentuali della produttività erano molto buoni.

Il fatturato dell’industria a maggio segna “un significativo” aumento rispetto ad aprile, +1,5%, che porta il dato annuo (cifra corretta per gli effetti di calendario) al +7,6%, la crescita più alta da dicembre scorso.Lo rileva l’Istat, parlando di risultati “ampiamente positivi”. Forte anche l’incremento degli ordinativi: +4,3% sul mese e +13,7% (in termini grezzi) su base annua. Per trovare un balzo maggiore delle commesse occorre tornare indietro ad agosto del 2016. A maggio il fatturato dell’industria degli autoveicoli sale del 18,5% su base annua. Per gli ordinativi, sempre in termini grezzi, segna un’impennata tendenziale del 21,2%.

.Anche nel resto d’Europa la situazione sembra essere la stessa. Infatti c’è stato un balzo in avanti della produzione industriale a maggio: rispetto ad aprile è salita nella zona euro dell’1,3% e dell’1,2% nella Ue-28. Ad aprile l’aumento era stato di appena 0,3% e 0,1%. Lo comunica Eurostat. Su base annuale, quindi rispetto a maggio 2016, il balzo è sempre evidente: +4% in entrambe le zone. Tra i Paesi dove la produzione è invece calata c’è il Portogallo (-1%), Malta (-0,9%) e Regno Unito (-0,1%).

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

ISFOL, OGNI ANNO 4,6 MILIONI DI UTENTI DI SERVIZI ALL'IMPIEGO

Al sistema dei servizi sia pubblici sia privati per il lavoro si rivolgono ogni anno 4,6 milioni di persone: più della metà (54%), cioè 2,5 mln di utenti, si rivolge

SGRAVI, 790 MILA CONTRATTI

Nei primi otto mesi dell’anno sono stati 790 mila i rapporti di lavoro a tempo indeterminato avviati grazie al taglio triennale dei contributi. L’Osservatorio sul precariato dell’Inps ne ha censiti,

GARANZIA GIOVANI, NOVITA’

Il progetto Garanzia giovani sarà mantenuto anche se l’Ue decidesse di non finanziarlo più. Inoltre, il ministero del Lavoro intende ridurre i tempi dei pagamenti bloccati dalla burocrazia. Questo l’impegno

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento