Istat: fatturato e ordini in crescita nell’industria

Istat: fatturato e ordini in crescita nell’industria
image_pdfimage_print

Dopo il buon segnale delle stime del Fondo Monetario Internazionale, anche i dati sulla produzione industriale, in particolare fatturato e ordini, del nostro Paese ci danno indicazioni molto positive. Il trend, infatti, ricalca un po’ quello del mese precedente in cui i numeri percentuali della produttività erano molto buoni.

Il fatturato dell’industria a maggio segna “un significativo” aumento rispetto ad aprile, +1,5%, che porta il dato annuo (cifra corretta per gli effetti di calendario) al +7,6%, la crescita più alta da dicembre scorso.Lo rileva l’Istat, parlando di risultati “ampiamente positivi”. Forte anche l’incremento degli ordinativi: +4,3% sul mese e +13,7% (in termini grezzi) su base annua. Per trovare un balzo maggiore delle commesse occorre tornare indietro ad agosto del 2016. A maggio il fatturato dell’industria degli autoveicoli sale del 18,5% su base annua. Per gli ordinativi, sempre in termini grezzi, segna un’impennata tendenziale del 21,2%.

.Anche nel resto d’Europa la situazione sembra essere la stessa. Infatti c’è stato un balzo in avanti della produzione industriale a maggio: rispetto ad aprile è salita nella zona euro dell’1,3% e dell’1,2% nella Ue-28. Ad aprile l’aumento era stato di appena 0,3% e 0,1%. Lo comunica Eurostat. Su base annuale, quindi rispetto a maggio 2016, il balzo è sempre evidente: +4% in entrambe le zone. Tra i Paesi dove la produzione è invece calata c’è il Portogallo (-1%), Malta (-0,9%) e Regno Unito (-0,1%).

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Regione Campania, Palmeri: approvato piano pari opportunità “Lavoro al femminile”

La Giunta Regionale della Campania ha ratificato il piano triennale che ha come obiettivo il rispetto e l’attenzione delle pari opportunità nel mondo del lavoro. Si tratta di una programmazione

Cgia: nell’ultima parte dell’anno 123 mila occupati in più

  Nell’ultima parte dell’anno si potrà contare su 123 mila nuovi occupati e 36 mila disoccupati in meno. Lo stima l’Ufficio studi della Cgia di Mestre sulla base dei dati

SINDACATI E CONTRATTI

Cgil Cisl e Uil riprovano a sedersi intorno a un tavolo per mettere a punto una proposta unitaria con cui riprendere il confronto con Confindustria sulla riforma del modello contrattuale.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento