Forte aumento delle assunzioni ma 8 su 10 sono precari

Forte aumento delle assunzioni ma 8 su 10 sono precari
image_pdfimage_print

Dall’inizio dell’anno è stato registrato, nel settore privato, un saldo, tra assunzioni e cessazioni, pari a +729.000, valore ben superiore a quello del corrispondente periodo sia del 2016 (+554.000) che del 2015 (+645.000). Questa è la situazione immortalata dall’Osservatorio sul precariato dell’Inps. Il saldo annualizzato (vale a dire la differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi dodici mesi), a maggio 2017, risulta positivo e pari a +497.000.

Questo esito mette in relazione la crescita tendenziale dei contratti a tempo indeterminato (+21.000), dei contratti di apprendistato (+48.000) e, soprattutto, dei contratti a tempo determinato (+428.000, inclusi i contratti stagionali e i contratti di somministrazione). Questo trend è in linea con le dinamiche considerate nei mesi precedenti e attestano il proseguimento della fase di ripresa occupazionale.

Le conversioni contrattuali da tempo determinato a tempo indeterminato (ivi incluse le prosecuzioni a tempo indeterminato degli apprendisti) sono risultate 150.000, con un lieve calo rispetto allo stesso periodo del 2016 (-1,8%). Le cessazioni nel complesso sono state 2.007.000, in aumento rispetto all’anno precedente (+11,2%): a svilupparsi sono soprattutto le cessazioni di rapporti a termine (+18,4%) mentre quelle di rapporti a tempo indeterminato sono leggermente in diminuzione (-1,3%). Con riferimento ai rapporti di lavoro a tempo indeterminato, il numero complessivo dei licenziamenti risulta pari a 235.000, in riduzione rispetto al dato di gennaio-maggio 2016 (-2,6%); in lieve aumento invece le dimissioni (+1,3%).

La percentuale di licenziamenti (calcolata sull’occupazione a tempo indeterminato, compresi gli apprendisti) è risultata per i primi cinque mesi del 2017 pari a 2,2%, esattamente in linea con quella dei corrispondenti periodi del 2016 e del 2015. Quanto alla composizione dei nuovi rapporti di lavoro in base alla retribuzione mensile, si annota, per le assunzioni a tempo indeterminato intervenute a gennaio-maggio 2017, una riduzione della quota di retribuzioni inferiori a 1.750 euro (55,0% contro 57,9% di gennaio-maggio 2016).

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

BOOM DEI VOUCHER

Nei primi dieci mesi del 2015 sono stati venduti oltre 91,8 milioni di voucher destinati al pagamento delle prestazioni di lavoro accessorio, del valore nominale di 10 euro, con un

OK A MODELLO FIAT

Ai lavoratori piace il nuovo contratto Fiat modello Marchionne che lega il premio economico all’andamento dei risultati aziendali,secondo una ricerca presentata dalla Cisl. Si sono, infatti, dichiarati favorevoli a un

ISTAT: 2,2 MLN FAMIGLIE JOBLESS

In Italia 2,2 milioni di famiglie vivono senza redditi da lavoro. E’ il dato relativo al 2015 che emerge dall’ultimo rapporto annuale dell’Istat. Le famiglie “jobless” sono passate dal 9,4%

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento