Ape social: incontro governo-sindacati per modifiche

Ape social: incontro governo-sindacati per modifiche
image_pdfimage_print

Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti ha in programma la settimana prossima un incontro con Susanna Camuso, Anna Maria Furlan e Carmelo Barbagallo, rispettivamente segretari generali di Cgil, Cisl e Uil. Il Governo preme per l’attuazione della cosiddetta ‘Fase 2’ della riforma pensionistica.

Argomento dell’incontro sarà il vaglio di alcune modifiche all’Ape sociale, il meccanismo che permette di anticipare la pensione a 63 anni per chi svolge lavori “usuranti” e ha almeno 30 anni di contributi. I sindacati da tempo chiedono che il bacino d’utenza di chi ha diritto alla prestazione pensionistica anticipato con il sostegno finanziario da parte dello Stato vengano ampliate. Si vorrebbero annettere anche gli assistenti sociali e educatori, gli addetti al sistema sanitario pubblico, privato e accreditato che svolgono lavori su turnazione o di assistenza a persone non autosufficienti e Polizia Locale.

Fra le novità potrebbe esserci una “deduzione” contributiva di tre anni alle donne per poter accedere al beneficio. Allo studio, ovviamente, anche l’annosa questione del congelamento dello scatto a 67 anni dell’età di pensionamento che partirebbe dal 2019. II Governo ha rimarcato che lo stop per tutti non è una possibilità fattibile, ma ha aperto ad una “distinzione” in base alle diverse aspettative di vita legate ai differenti lavori. Una declinazione potrebbe essere quella di congelare lo scalino proprio per le categorie che rientrano tra quelle beneficiate dall’Ape sociale. In realtà il governo vorrebbe usare dei criteri diversi, anche per non allargare troppo “l’eccezione”.

Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera interviene così sull’incontro: “Gli argomenti cruciali da affrontare – chiarisce – sono: la pensione contributiva di garanzia, che dovrebbe assicurare alle giovani generazioni del lavoro discontinuo e scarsi contributi un risultato previdenziale dignitoso; il rinvio dell’innalzamento dell’età pensionabile che, in assenza di un intervento normativo, la porterebbe a 67 anni a partire dal 2019”.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

OTTOSUNOVE ASSUME

Ottosunove, agenzia di comunicazione specializzata in brand development, store marketing e retail design, con quartier generale a Torino, seleziona un gran numero di profili da inserire subito nei suoi diversi progetti.

13° FALCIDIATE DALLE TASSE

Quest’anno la tredicesima sarà impiegata per pagare gli aumenti iniziati a gennaio 2015 con le tariffe autostradali, benzina, bolli, tasse, Tasi, Imu seconda casa e accise. Con il risultato di

PART-TIME AGEVOLATO PER CHI È VICINO ALLA PENSIONE

I lavoratori del settore privato con contratto a tempo indeterminato ed orario pieno, che possiedono il requisito contributivo minimo per la pensione di vecchiaia (20 anni di contributi) e che

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento