Mancata retribuzione e licenziamento di un dipendente senza più abilitazione [Cassazione]

image_pdfimage_print

cassazioneCon sentenza n. 16388 del 4 luglio 2017, la Corte di Cassazione ha affermato che non riveste natura disciplinare il licenziamento adottato da un datore di lavoro a seguito della impossibilità sopravvenuta della prestazione da parte del dipendente al quale era stato ritirato il “tesserino aeroportuale” a seguito di un provvedimento dell’autorità giudiziaria.

La Corte ha ritenuto legittimo il comportamento del datore di lavoro che, prima del recesso, ha sospeso la retribuzione che era strettamente collegata alla prestazione che non poteva più svolgere. Il licenziamento era, poi, avvenuto per giustificato motivo oggettivo in ragione della sopravvenuta impossibilità della prestazione, non avendo la possibilità di collocare il lavoratore in mansioni equivalenti.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Governo: pubblicato il DPCM per la Detassazione 2014

E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 98 del 29 aprile 2014, il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 19 febbraio 2014, con le “Modalità di attuazione delle misure

Indennità risarcitoria per licenziamento disciplinare contestato tardivamente [Cassazione]

Con sentenza n. 30985 del 27 dicembre 2017, le Sezioni Unite della Cassazione hanno affrontato la questione delle conseguenze legate alla illegittimità di un licenziamento disciplinare contestato ad oltre due

Collaborazione di un familiare e pagamento dell’Irap per il professionista ( Cassazione )

La  Cassazione, con ordinanza n. 22628 del24 ottobre 2014, ha stabilito che il professionista che si avvale dell’ausilio di un familiare è tenuto al versamento dell’IRAP, in quanto tale collaborazione si configura come automa organizzazione per

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento