Mancata retribuzione e licenziamento di un dipendente senza più abilitazione [Cassazione]

cassazioneCon sentenza n. 16388 del 4 luglio 2017, la Corte di Cassazione ha affermato che non riveste natura disciplinare il licenziamento adottato da un datore di lavoro a seguito della impossibilità sopravvenuta della prestazione da parte del dipendente al quale era stato ritirato il “tesserino aeroportuale” a seguito di un provvedimento dell’autorità giudiziaria.

La Corte ha ritenuto legittimo il comportamento del datore di lavoro che, prima del recesso, ha sospeso la retribuzione che era strettamente collegata alla prestazione che non poteva più svolgere. Il licenziamento era, poi, avvenuto per giustificato motivo oggettivo in ragione della sopravvenuta impossibilità della prestazione, non avendo la possibilità di collocare il lavoratore in mansioni equivalenti.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Modifiche alla disciplina IRAP : le risposte dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 22 del 9 giugno 2015, fa il punto sulle questioni interpretative sollevate dalle associazioni di categoria in materia di deducibilità del costo del lavoro dalla

( sentenza n. 9693 del 27 febbraio 2014 ) Responsabilità del datore di lavoro per la mancata formazione ed informazione sui luoghi di lavoro

Con sentenza n. 9693 del 27 febbraio 2014, la Corte di Cassazione ha ribadito il fatto che è sempre penalmente responsabile il datore di lavoro per il mancato adempimento obbligatorio

Per il lavoratore invalido superamento del periodo di comporto [Cassazione]

Con sentenza n. 9395 del 12 aprile 2017, la Corte di Cassazione ha affermato che “nell’ipotesi di rapporto di lavoro con invalido assunto obbligatoriamente…., le assenze dovute a malattie collegate con

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento