Mancata retribuzione e licenziamento di un dipendente senza più abilitazione [Cassazione]

image_pdfimage_print

cassazioneCon sentenza n. 16388 del 4 luglio 2017, la Corte di Cassazione ha affermato che non riveste natura disciplinare il licenziamento adottato da un datore di lavoro a seguito della impossibilità sopravvenuta della prestazione da parte del dipendente al quale era stato ritirato il “tesserino aeroportuale” a seguito di un provvedimento dell’autorità giudiziaria.

La Corte ha ritenuto legittimo il comportamento del datore di lavoro che, prima del recesso, ha sospeso la retribuzione che era strettamente collegata alla prestazione che non poteva più svolgere. Il licenziamento era, poi, avvenuto per giustificato motivo oggettivo in ragione della sopravvenuta impossibilità della prestazione, non avendo la possibilità di collocare il lavoratore in mansioni equivalenti.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Garante privacy: la fatturazione elettronica va cambiata

Il Garante per la protezione dei dati personali ha avvertito l’Agenzia delle entrate che il nuovo obbligo della fatturazione elettronica, così come è stato regolato dall’Agenzia delle entrate, “presenta rilevanti

Decreto Legge in materia di Ammortizzatori sociali e Pensioni [Governo]

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, nella seduta n. 64 del 18 maggio 2015, un decreto legge in materia di ammortizzatori sociali e di pensioni che dà, tra l’altro, attuazione alla recente

Cassazione su: concetto di aliunde perceptum nel risarcimento per licenziamento / licenziamento per il rifiuto alla modifica del luogo di lavoro

* concetto di aliunde perceptum nel risarcimento per licenziamento Con sentenza n. 7685 del 18 aprile 2016 , la Corte di Cassazione ha affermato che nella misura del risarcimento dovuto in

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento