Ape social: i dati definitivi contano 66 mila domande

Ape social: i dati definitivi contano 66 mila domande

L’Istituto di previdenza sociale fa sapere che al 15 Luglio, giorno della scadenza per la richiesta dell’ Ape social e al pensionamento anticipato per i lavoratori precoci, le domande sono state 66.409. L’Inps dichiara, più precisamente, che sono arrivate 39.777 richieste per l’indennità di Ape social e 26.632 per i lavoratori precoci. E’ stato così superato il tetto previsto per quest’anno, pari a 60.000 unità.

L’ente previdenziale spiega più dettagliatamente che il maggior numero di domande è stato presentato in Lombardia (11.048), seguita dal Veneto (6.701), dalla Sicilia (5.608), dal Piemonte (5.568), dall’Emilia Romagna (4.865), dal Lazio (4.594) e dalla Toscana (4.566). La tipologia di aventi diritto più rappresentata è quella dei lavoratori disoccupati con 34.530 domande, seguiti dagli addetti alle mansioni difficoltose (15.030).

Per quanto concerne la distribuzione per genere, le donne che hanno presentato la domanda per la certificazione per l’Ape sociale sono state 11.668, contro le 28.109 degli uomini. Le domande per la certificazione per lavoro precoce, invece, sono state presentate da 22.900 uomini e da 3.732 donne.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Rinnovabili: più investimenti e minore impatto in bolletta

Le fonti rinnovabili in Italia rappresentano una realtà in continua crescita che riesce ad attirare forti investimenti, con conseguenze positive sull’occupazione e anche con oneri in bolletta che scendono. Secondo

Nel Def previsioni di crescita del 1,4% nel 2017

Il capo economista del ministero dell’Economia, Riccardo Barbieri, rileva un netto rialzo delle stime di crescita prima dell’imminente aggiornamento del Def. È ormai risaputo che l’aggiornamento del Documento di economia

Cna: crescita dell’occupazione nelle piccole imprese

L’occupazione nelle piccole imprese negli ultimi due mesi del 2016 è aumentata del +0,7% rispetto a ottobre dello stesso anno e del +3,2% rispetto al 2015. Rispetto a dicembre 2014,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento