Confindustria Giovani e Università, nuovi bandi per le Startup

Confindustria Giovani e Università, nuovi bandi per le Startup
image_pdfimage_print

Sono stati presentati nuovi bandi regionali per le Startup e piccole e medie imprese all’Università degli studi di Salerno. La proposta è stata avanzata dai Giovani imprenditori di Confindustria Campania e dall’Università di Salerno. “La regione Campania è tra le prime in Italia per numero di startup innovative ma è caratterizzata anche da un alto tasso di mortalità delle neo-imprese – a dichiararlo è Francesco Giuseppe Palumbo, presidente Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Campania– è, dunque, necessario capire le ragioni di questa incapacità di sopravvivenza delle start up e mettere in campo una serie di azioni che supportino la vita dell’impresa, a maggior ragione se essa è innovativa”.

“Una soluzione –sostiene il giovane presidente– è di certo fornita dal decreto Crescita 2.0 che mira a favorire lo sviluppo della nuova imprenditoria innovativa anche tramite la promozione di incubatori di impresa eccellenti, denominati incubatori certificati. Al nord sono già una realtà, al Sud ancora un miraggio. L’obiettivo della certificazione è sostenere la progressiva crescita dimensionale e la qualità del servizio fornito dagli incubatori, valorizzando le strutture di eccellenza capaci di imprimere un forte sviluppo al sistema produttivo locale e nazionale”.

“Gli incubatori certificati –spiega– consentono alle imprese innovative di lanciare la propria attività sul mercato, in modo efficace e in tempi rapidi, e di dar vita a processi di trasferimento tecnologico verso imprese più mature che vogliono rimanere competitive facendo open innovation. E’ necessario, anche che giungano a compimento importanti misure come i bandi dedicati alla prima industrializzazione, al trasferimento tecnologico ed all’open innovation perché rappresentano una opportunità sia per le startup che per le pmi”.

Sul tema interviene anche il Rettore dell’Univeristà di Salerno, Aurelio Tommasetti, chiarendo: “I temi del trasferimento tecnologico e della valorizzazione delle ricerche che rientrano nel contesto più ampio dello sviluppo territoriale, sono al centro della nostra programmazione finalizzata ad uno sviluppo sempre più spinto della terza missione dell’ateneo. L’incontro è anche un importante momento di riflessione per l’università ed il ruolo che essa ha nel far crescere e progredire la società in armonia con il contesto locale di riferimento”.

“Nel nostro campus –sottolinea il Rettore– sperimentiamo quotidianamente quanto l’interazione tra gli studenti, il mondo produttivo ed i ricercatori porti a risultati di grande impatto nell’emancipazione del tessuto sociale ed economico locale. Oggi sono necessari interventi che promuovano il processo di trasferimento e trasformazione della conoscenza per creare valore aggiunto mediante una interazione maggiore tra centri di ricerca e imprese. Azioni mirate devono avvicinare sempre di più questi mondi, anche fisicamente”.

“La vicinanza fisica delle aziende –rimarca Tommasetti– ai luoghi della conoscenza ed ai suoi attori, cioè  ricercatori e studenti, è al centro delle nostre azioni. La terza missione dell’ateneo punta tra le altre cose su un programma di avvicinamento delle aziende all’università: nell’anno in corso abbiamo messo a disposizione gli spazi del campus ad alcune startup. Il risultato immediato, oltre all’assunzione di nostri laureati e dottori di ricerca, è di avere contiguità e consuetudine di rapporti tra aziende e ateneo, non solo per valorizzare le nostre ricerche ma per offrire alle imprese il supporto necessario a vincere la sfida della crescita in un contesto nazionale ed internazionale sempre più competitivo”.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

EDILIZIA: +34 MILA OCCUPATI

Dopo 54 mesi di crisi ininterrotta il settore delle costruzioni registra un’inversione di tendenza: è tornato il segno positivo per l’occupazione che, al secondo trimestre 2015, fa rilevare un aumento

Inapp: occupazione sopra 80% con laurea e corsi post-laurea

Un elevato investimento nell’istruzione migliora le prospettive occupazionali dei giovani nell’ingresso al mercato del lavoro, e questo accade a prescindere dall’area di studio svolta e dal titolo di studio. Infatti,

GRIECO (REGIONI) SU SERVIZI IMPIEGO

“Un confronto utile ed un clima costruttivo quello riscontrato dagli assessori al lavoro nel corso di un incontro che si è tenuto con il ministro Giuliano Poletti”. Lo ha dichiarato

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento