Licenziamento disciplinare e diritto a difesa del dirigente [Cassazione]

image_pdfimage_print

cassazioneCon sentenza n. 15204/2017, la Corte di Cassazione ha affermato che le garanzie procedimentali, previste dall’art. 7 della legge n. 300/1970, sono indirizzate verso la generalità dei lavoratori subordinati, senza alcuna distinzione circa la loro posizione apicale. I dirigenti di azienda sono, a tutti gli effetti, lavoratori subordinati ai quali si applicano le norme previste dal libro V del codice civile e dalle leggi speciali.

La constatazione che il dirigente è una sorta di “alter ego ” della proprietà, con uno spiccato livello fiduciario, aumenta la responsabilità dello stesso sotto l’aspetto della diligenza e della fedeltà, ma ciò non può portare alla eliminazione del diritto di difesa a fronte di una contestazione disciplinare che porta al licenziamento.

Di conseguenza, senza le garanzie previste dai commi 2 e 3 dell’art. 7, il licenziamento, essendo privo di giustificazioni, genererà l’indennità risarcitoria prevista dal contratto collettivo dei dirigenti.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Disdetta di accordo collettivo [Cassazione]

Con sentenza n. 2600 del 2 febbraio 2018, la Corte di Cassazione ha affermato che nel nostro ordinamento sussiste libertà di forma circa la comunicazione della disdetta di un accordo collettivo anche di

Licenziamento collettivo: precisare criteri adottati

La Fondazione Studi Consulenti del lavoro, in materia di reintegra a seguito di licenziamento collettivo, approfondisce la sentenza n. 19320 del 2016 emessa dalla Corte di Cassazione. Nell’ambito della procedura

Governo: tutela del lavoro nell’ambito delle imprese sequestrate e confiscate

Il Consiglio dei Ministri, nella seduta n. 84 del 16 maggio 2018, ha approvato, in esame definitivo, due decreti legislativi di attuazione della legge 17 ottobre 2017, n. 161, recante

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento