Eurostat: la stima degli inattivi

Eurostat: la stima degli inattivi
image_pdfimage_print

L’ Eurostat ha stimato che nel 2016 l’esercito che compone i cosiddetti inattivi ammonta a circa 89 milioni di persone, di questi circa 70 milioni non hanno desiderio di trovarlo. Un numero incredibile di europei in età lavorativa che non hanno e non cercano lavoro. Anche in questa poco invidiabile classifica l’Italia si attesta su gradino più basso del podio, poco più sotto solo di Turchia e Macedonia. Secondo quanto riscontrato nella statistica, rispetto ad un tasso medio europeo di inattività del 27,1%, si segna in Italia un dato percentuale del 35,1%, due volte quello svedese e 15 punti sopra a quello tedesco. A livello europeo, sono 89 milioni le persone inattive in età lavorativa (ovvero tra i 15 e i 64 anni) nel 2016; la popolazione femminile ne costituisce la parte maggiore, registrando una percentuale del 60% della popolazione non occupata né disoccupata.

Dai dati della ricerca, si rileva che il 78% degli inattivi intervistati non ha desiderio di lavorare (una platea, come detto, di quasi 70 milioni di persone) e un quinto di questi ha smesso di cercare lavoro in quanto si sarebbe persa la fiducia riposta nel trovarlo. Oltre a ciò, emerge un rapporto tra il grado di istruzione e lo status di occupato/ inoccupato, in quanto il 47% della platea di inattivi ha un basso grado di istruzione (il minimo livello di istruzione secondaria), percentuale che si abbassa nei confronti di chi ha un’istruzione media (24%) e di chi ne possiede una elevata (12%), ovvero che sia in possesso un diploma di istruzione superiore.

I dati forniti dall’Eurostat ci illustrano che le cause principali di inattività fanno riferimento a: studenti o frequentanti di un corso di formazione (35%), pensionati (16%), soggetti affetti da disabilità o malattie gravi (16%) o che si occupano di bambini o adulti incapaci (10%).

Se si prendono in esame gli stati europei singolarmente si può capire meglio la distribuzione degli inattivi sul territorio continentale. La percentuale più bassa si manifesta in Svezia, con il 17,9% di popolazione inattiva, seguita dalla Danimarca (20%) e dai Paesi Bassi (20,3%). Per quanto riguarda i livelli più alti, invece, appena dietro l’Italia troviamo la Croazia e la Romania, entrambe al 34,4%, seguita dal Belgio (32,4%) e dalla Grecia (31,8%). Il rapporto analizza, inoltre, la situazione in Turchia, dove la percentuale degli inattivi arriva a toccare il 45%.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

OCSE: RIFORME TRAINANO OCCUPAZIONE

Il mercato del lavoro nel nostro Paese migliora perchè sono state fatte riforme importanti, che stanno trainando l’economia. Lo spiega la capo economista dell’Ocse, Catherine Mann, secondo la quale “uno dei

CALDERONE SU STUDI DI SETTORE

“Un provvedimento che riguarderà direttamente e indirettamente i professionisti italiani. Ci riguarda come contribuenti ma anche come operatori del settore chiamati a dare un contributo a questa trasformazione proposta dal

POVERI PUR LAVORANDO

Anche chi lavora rischia di precipitare in uno stato di povertà. E’ la conseguenza del fatto che l’Europa ha disinvestito nel welfare, tagliando la spesa sociale per 230 miliardi. Un Rapporto

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento