È possibile che la norma sulle nuove prestazioni occasionali abbia escluso le aziende sopra i 5 dipendenti? Non ci sono alternative?

È possibile che la norma sulle nuove prestazioni occasionali abbia escluso le aziende sopra i 5 dipendenti? Non ci sono alternative?
image_pdfimage_print

Sì, è proprio così. Le imprese possono utilizzare lavoratori occasionali esclusivamente qualora abbiano alle proprie dipendenze al massimo 5 lavoratori subordinati a tempo indeterminato (da questo parametro sono escluse le Pubbliche Amministrazioni).

Le alternative sono: il contratto a tempo determinato, anche a chiamata o in somministrazione (qualora il rapporto preveda una dipendenza sul lavoratore) o una collaborazione autonoma occasionale (qualora il collaboratore abbia una propria autonomia gestionale ed una professionalità adeguata).

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 471 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Nel caso di licenziamento esiste la possibilità del solo risarcimento economico purché il licenziamento avvenga per motivo soggettivo o oggettivo: cosa si intende in particolare?

Quali casi possono considerarsi validi per un licenziamento? Il nuovo contratto a tutele crescenti prevede la reintegra soltanto in casi limite: licenziamento discriminatorio (o nullo: es. licenziamento durante il periodo

Se assumo oggi un lavoratore a tempo indeterminato, ho diritto all’ incentivo ? Il contratto che stipulerò è a tutele crescenti?

L’assunzione a tempo indeterminato effettuata dal 1° gennaio 2015 da diritto all’incentivo previsto dalla legge di Stabilità 2015. Per le modalità di fruizione dell’esonero bisognerà aspettare una circolare dell’Inps di

In caso di licenziamento per inidoneità sopravvenuta del lavoratore deve essere preceduto dal tentativo di conciliazione previsto dalla Riforma Fornero ?

Sì, il licenziamento per inidoneità sopravvenuta rientra tra i casi di giustificato motivo oggettivo (GMO) per i quali è obbligatoria la procedura di

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento