Previdenza complementare accordo Consulenti del lavoro con Enpacl e Mefop

Previdenza complementare accordo Consulenti del lavoro con Enpacl e Mefop
image_pdfimage_print

E’ stato firmato ieri l’accordo sulla previdenza complementare tra il Consiglio nazionale dell’ordine dei consulenti del lavoro, l’Ente nazionale di previdenza e assistenza per i consulenti del lavoro (Enpacl) e Mefop, la società per lo sviluppo dei mercati dei fondi pensione. L’accordo firmato favorisce la diffusione e la promozione di iniziative su welfare e previdenza, sia obbligatoria che complementare. L’obiettivo finale è di contribuire, sul piano tecnico, alla realizzazione di politiche previdenziali a livello nazionale che contribuiscano alla ricerca della sostenibilità del piano pensionistico e con l’adeguatezza dei servizi erogati.

“Questo protocollo –ha illustrato la presidente del Consiglio nazionale dell’ordine dei Consulenti del lavoro, Marina Calderone– rinsalda e ufficializza un percorso di collaborazione importante che va avanti da tempo. Il nostro fine è quello di individuare percorsi comuni di studio e divulgazione dei temi legati al welfare e alla previdenza in un momento in cui, oltre al primo pensionistico, è indispensabile strutturare anche il secondo pilastro, specialmente per il futuro dei giovani”.

Questa collaborazione con l’Enpacl e il Mefop –ha chiarito– risponde alla necessità di creare relazioni istituzionali per fare cultura pensionistica. Sempre più spesso i consulenti del lavoro dovranno occuparsi di bilanci e consulenze previdenziali per ogni singolo lavoratore”.

“Ringrazio i consulenti del lavoro per averci scelto come partner di studio per incrementare la conoscenza e le adesioni ai fondi pensione e alla previdenza integrativa”, ha detto Mauro Marè, presidente di Mefop.

“Il welfare negli ultimi anni -ha ricordato- ha cambiato natura e dimensioni, facendo porre più attenzione alla cura della persona, il long term care. Diffondere, quindi, questo tipo di cultura e creare, anche nel settore pubblico, i presupposti per investire volontariamente nelle risorse complementari e nel welfare è prioritario. Per questo motivo vogliamo cogliere le opportunità che nasceranno dalla firma di questo accordo”.

I vari temi che toccheranno saranno discussi in scuole e università, sia pubbliche che private, al fine di divulgare più possibile le questioni e i concetti della previdenza obbligatoria e complementare. Verrà poi organizzato un comitato tecnico – scientifico incaricato di svolgere ricerche e analisi in grado di sviluppare forme di interventi ad hoc e programmi di comune iniziativa.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

PETROLIO: IN CALO A 32,56 DOLLARI

(ANSA) – ROMA, 11 GEN – Il petrolio è in calo in Asia a 32,56 dollari per il barile Wti e a 32,91 dollari per il Brent.

STUDI PROFESSIONALI, OCCUPAZIONE SU

Decisa ripresa dell’occupazione negli studi professionali in Lombardia. Nel primo semestre 2015 sono stati assunti 9.833 lavoratori, di cui 1.309 apprendisti, in crescita del 12% rispetto al primo semestre 2014.

ACCORDO FLIXBUS-MINISTERO DEL LAVORO SU GARANZIA GIOVANI

FlixBus, nuovo operatore della mobilità in autobus, si impegna, direttamente e con l’intervento dei suoi partner, nell’assunzione di circa 220 giovani Neet, iscritti al programma “Garanzia Giovani”, nel 2016. È

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento