Si paga il contributo d’ingresso alla mobilità in presenza di procedure concorsuali?

image_pdfimage_print

No (art. 3, comma 3, della legge n. 223/1991 e circ. INPS n. 171/2001), a fronte della verifica del curatore del fallimento o del liquidatore nella procedura di liquidazione coatta amministrativa o di concordato preventivo, o del commissario nell’amministrazione straordinaria, della impossibilità della continuazione dell’attività produttiva, con il conseguente licenziamento dei dipendenti. L’esonero è stato riconosciuti anche in casi nei quali il commissario ha attivato la procedura prima della emanazione della sentenza di omologazione (Cass. SU, n. 3597/2003).
L’interpello del Ministero del Lavoro n. 34/2013 esclude anche le imprese che abbiano proceduto ad un accordo per la ristrutturazione del debito e che nel corso della CIGS abbiano la necessità di aprire la procedura di mobilità.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 496 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Buongiorno, può darmi chiarimenti in merito al ” de minimis “?

L’Unione Europea ha previsto che per gli aiuti concessi ad una impresa vi debbano essere dei limiti. Ordinariamente le agevolazioni concesse ad una azienda ordinaria (” de minimis “), sommati

Con la prossima introduzione del contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti , l’ apprendistato verrà rivisto? magari riducendo la formazione?

No, non è in programma una rivisitazione dell’apprendistato che è stato, di recente, modificato dalla Legge

E’ ammesso il rimborso delle quote di TFR maturate durante la CIGS da lavoratori sospesi ininterrottamente e licenziati nel corso o al termine del periodo integrato?

La risposta è positiva alla luce della previsione contenuta nell’art. 2, comma 2, della legge n. 464/1972. Le quote di TFR rimborsabili sono quelle precedenti la cessazione del rapporto di

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento