Utilizzazione dell’ internet aziendale e licenziamento [Cassazione]

cassazioneCon sentenza n. 14862 del 15 giugno 2017, la Cassazione ha affermato la legittimità di un licenziamento per giustificato motivo soggettivo nei confronti di un lavoratore che aveva utilizzato l’ internet aziendale per una “navigazione personale” in modo reiterato ed intenzionale.
La Suprema Corte, con alcuni specifici ragionamenti, ha escluso la violazione sia del comma 1 dell’art. 7 della legge n. 300/1970, che dell’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori, che, infine, delle disposizioni di tutela della “privacy” inserite nel decreto legislativo n. 196/2003.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Ministero del Lavoro: anzianità di effettivo lavoro presso l’unità produttiva a fini CIG

La Direzione Generale degli ammortizzatori sociali e della formazione, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, rispondendo ad un quesito dell’Ance e dell’Alleanza delle Cooperative italiane Produzione e Lavoro,

Ministero del Lavoro: la nota trimestrale 2018 sulle Comunicazioni Obbligatorie

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato, in data 6 dicembre 2018, la Nota trimestrale congiunta sulle tendenze dell’occupazione relativa al III trimestre 2018. Nel terzo trimestre del 2018

Linee guida per la trattazione dei casi di infortuni in itinere . Deviazioni per ragioni personali [Inail Circ.n. 62/2014 ]

L’Inail, con la Circolare n. 62/2014 , specifica che gli infortuni occorsi al lavoratore nel tragitto casa-lavoro, interrotto o deviato per accompagnare il proprio figlio a scuola potra` essere ammesso

1 Commento

  1. […] La decisione della Suprema Corte e’ la n. 14862 del 15 giugno 2017: al di là del contenuto, essa è importante in quanto sottolinea e ribadisce alcuni principi che valgono anche per istituti disciplinati da altre norme: mi riferisco, essenzialmente, al valore del comma 1 dell’art. 7 della legge n. 300/1970, alle modalità di controllo ex art. 4 dello Statuto dei Lavoratori, ed alle tutele della riservatezza scaturenti dalle direttive del “Garante per la privacy”. […]

Lascia un commento