Utilizzazione dell’ internet aziendale e licenziamento [Cassazione]

image_pdfimage_print

cassazioneCon sentenza n. 14862 del 15 giugno 2017, la Cassazione ha affermato la legittimità di un licenziamento per giustificato motivo soggettivo nei confronti di un lavoratore che aveva utilizzato l’ internet aziendale per una “navigazione personale” in modo reiterato ed intenzionale.
La Suprema Corte, con alcuni specifici ragionamenti, ha escluso la violazione sia del comma 1 dell’art. 7 della legge n. 300/1970, che dell’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori, che, infine, delle disposizioni di tutela della “privacy” inserite nel decreto legislativo n. 196/2003.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Bonus mamma – dal 4 maggio le domande per gli 800 euro [INPS cir. 78/17 ]

L’Inps, con la circolare n. 78 del 28 aprile 2017, comunica che a partire dal 4 maggio 2017 sarà messa in esercizio la procedura di acquisizione delle domande che dovranno essere trasmesse all’Istituto esclusivamente

Licenziamento collettivo: precisare criteri adottati

La Fondazione Studi Consulenti del lavoro, in materia di reintegra a seguito di licenziamento collettivo, approfondisce la sentenza n. 19320 del 2016 emessa dalla Corte di Cassazione. Nell’ambito della procedura

Consulta: durata massima dell’orario di lavoro – illegittimo l’inasprimento delle sanzioni

La Corte Costituzionale, con sentenza n. 153 del 15 aprile 2014 – depositata il 4 giugno 2014, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 18-bis, commi 3 e 4, del decreto legislativo 8 aprile

1 Commento

  1. […] La decisione della Suprema Corte e’ la n. 14862 del 15 giugno 2017: al di là del contenuto, essa è importante in quanto sottolinea e ribadisce alcuni principi che valgono anche per istituti disciplinati da altre norme: mi riferisco, essenzialmente, al valore del comma 1 dell’art. 7 della legge n. 300/1970, alle modalità di controllo ex art. 4 dello Statuto dei Lavoratori, ed alle tutele della riservatezza scaturenti dalle direttive del “Garante per la privacy”. […]

Lascia un commento