Utilizzazione dell’ internet aziendale e licenziamento [Cassazione]

image_pdfimage_print

cassazioneCon sentenza n. 14862 del 15 giugno 2017, la Cassazione ha affermato la legittimità di un licenziamento per giustificato motivo soggettivo nei confronti di un lavoratore che aveva utilizzato l’ internet aziendale per una “navigazione personale” in modo reiterato ed intenzionale.
La Suprema Corte, con alcuni specifici ragionamenti, ha escluso la violazione sia del comma 1 dell’art. 7 della legge n. 300/1970, che dell’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori, che, infine, delle disposizioni di tutela della “privacy” inserite nel decreto legislativo n. 196/2003.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Inabilità permanente e licenziamento [Cassazione]

Con sentenza n. 8419/2018, la Cassazione ha affermato che in caso di Inabilità permanente il datore di lavoro deve verificare se nella propria organizzazione esistono posizioni di lavoro confacenti, anche

Cassazione su: limite dei 36 mesi nei contratti a tempo determinato / mancato versamento contributivo in mancanza di chiarimenti, no evasione

* limite dei 36 mesi nei contratti a tempo determinato Con sentenza n. 11374 del 1° giugno 2016, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, definendo la corretta interpretazione dell’art. 2

Prestazioni eccedenti rispetto a quelle richiede dal datore, nessun danno da superlavoro [cassazione]

Con sentenza n. 17438 del 2 settembre 2015, la Corte di Cassazione ha stabilito che non ha diritto ad alcun ristoro del danno da superlavoro il dipendente che, autonomamente e senza

1 Commento

  1. […] La decisione della Suprema Corte e’ la n. 14862 del 15 giugno 2017: al di là del contenuto, essa è importante in quanto sottolinea e ribadisce alcuni principi che valgono anche per istituti disciplinati da altre norme: mi riferisco, essenzialmente, al valore del comma 1 dell’art. 7 della legge n. 300/1970, alle modalità di controllo ex art. 4 dello Statuto dei Lavoratori, ed alle tutele della riservatezza scaturenti dalle direttive del “Garante per la privacy”. […]

Lascia un commento