Utilizzazione dell’ internet aziendale e licenziamento [Cassazione]

cassazioneCon sentenza n. 14862 del 15 giugno 2017, la Cassazione ha affermato la legittimità di un licenziamento per giustificato motivo soggettivo nei confronti di un lavoratore che aveva utilizzato l’ internet aziendale per una “navigazione personale” in modo reiterato ed intenzionale.
La Suprema Corte, con alcuni specifici ragionamenti, ha escluso la violazione sia del comma 1 dell’art. 7 della legge n. 300/1970, che dell’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori, che, infine, delle disposizioni di tutela della “privacy” inserite nel decreto legislativo n. 196/2003.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Iter disciplinare e consultazione della documentazione di addebito [Cassazione]

Con sentenza n. 23408 del 6 ottobre 2017, la Corte di Cassazione ha affermato che non esiste alcun obbligo per il datore di lavoro, nell’ambito di un iter disciplinare ex

MISE: voucher per la digitalizzazione delle imprese – dal 15 gennaio via alle domande

Dal 15 gennaio 2018 è possibile accedere alla procedura informatica e compilare la domanda per richiedere, da parte delle micro, piccole e medie imprese, un contributo di importo non superiore a 10

Ministero del Lavoro: revisione triennale dei coefficienti di trasformazione del montante contributivo

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 134 del 12 giugno 2018, il Decreto

1 Commento

  1. […] La decisione della Suprema Corte e’ la n. 14862 del 15 giugno 2017: al di là del contenuto, essa è importante in quanto sottolinea e ribadisce alcuni principi che valgono anche per istituti disciplinati da altre norme: mi riferisco, essenzialmente, al valore del comma 1 dell’art. 7 della legge n. 300/1970, alle modalità di controllo ex art. 4 dello Statuto dei Lavoratori, ed alle tutele della riservatezza scaturenti dalle direttive del “Garante per la privacy”. […]

Lascia un commento