fbpx

I 100 euro in welfare per i lavoratori metalmeccanici, si devono dare anche ai somministrati?

I 100 euro in welfare per i lavoratori metalmeccanici, si devono dare anche ai somministrati?

I 100 euro , quale welfare da erogare ai propri dipendenti in virtù del nuovo articolo 17 previsto dal Ccnl Metalmeccanica Industria, devono essere riconosciuti anche ai lavoratori somministrati, ai sensi dell’art. 35 del Dlvo 81/2015, in possesso dei requisiti previsti (es. rapporto a termine con almeno 3 mesi di anzianità, non in aspettativa non retribuita, abbiano superato il periodo di prova, ecc.).

L’azienda, comunque, non potrà erogare il welfare direttamente a detti lavoratori ma dovrà esclusivamente comunicare all’Agenzia di Somministrazione la scelta del welfare e il mese nel quale ha deciso di provvedere alla sua assegnazione. L’onere dell’acquisto e del successivo inoltro al lavoratore somministrato, dovrà essere a carico dell’Agenzia (datrice di lavoro).

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 695 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Stiamo valutando l’assunzione di una persona italiana che lavora all’etero. Volevamo capire se possiamo godere di una agevolazione contributiva o fiscale in quanto offriamo un lavoro in Italia ad un cittadino italiano che al momento lavoro all’estero.

L’ agevolazione a cui, credo, Lei faccia riferimento è quella relativa al rientro dei c.d. “cervelli” e cioè una agevolazione fiscale prevista sino al 31 dicembre 2015 per favorire il

E’ possibile assumere una persona in sostituzione di una lavoratrice che dovrà andare in maternità, prima dell’inizio della maternità stessa?

Sì, è possibile iniziare un rapporto a tempo determinato in sostituzione di una lavoratrice madre anticipatamente rispetto al congedo di maternità. L’art. 4 del TU sulla maternità, infatti, prevede la

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.