Dalla scuola all’azienda: al via il modello tedesco per Allianz Italia

Dalla scuola all’azienda: al via il modello tedesco per Allianz Italia

Il modello tedesco di inserimento al lavoro negli anni di formazione scolastica prende il via anche in Italia grazie ad Allianz Italia. Trenta ragazzi di tre scuole superiori milanesi che frequentano il quarto anno, liceo scientifico e istituti tecnici, hanno avuto la possibilità di un inserimento part-time nella sede centrale dell’azienda assicurativa di Allianz. L’esperimento, che in Germania è già una realtà, consiste nel primo progetto di dualità scuola-lavoro nel nostro paese. Un contratto di assunzione in piena regola, da apprendista negli uffici legali e statistici, che consiste in tre giorni al mese più due mesi interi nel periodo estivo che, se da una parte toglie tempo libero agli studenti, dall’altra favorisce l’inserimento lavorativo e facilità la scelta di un percorso professionale-universitario. Il progetto è stato ideato ed è partito anche grazie alle norme contenute nel Jobs Act, che ha snellito e favorito l’iter di questo innovativo tipo di inclusione nel mondo del lavoro. Fino ad oggi questo tipo di sinergie tra la scuola e la sfera professionale, era ad appannaggio esclusivo degli istituti professionali. Questo tipo di proposte farà sicuramente da apripista per un concetto più innovativo di dualità scuola-lavoro. 

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

VISCO SU POLITICHE ATTIVE

In Italia difettano le politiche attive del lavoro che, ancorché difficili da disegnare e mettere in atto, hanno un ruolo potenzialmente importante per riqualificare e ricollocare una forza lavoro spiazzata

Inps: cassa integrazione in calo del 50% a Giugno

Secondo gli ultimi dati divulgati a Giugno dall’istituto di previdenza sociale, le ore di cassa integrazione autorizzate sono in netto calo. Il report dell’Inps infatti mostra un totale di 27,5

Lavoro: trend positivo occupazione, ancora bene la somministrazione

Nel trimestre Aprile-giugno 2017 continua il trend positivo dell’occupazione su base annua e in termini congiunturali, anche se il lavoro giovanile resta fermo al margine del processo. Una caratteristica fondamentale

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento