Dalla scuola all’azienda: al via il modello tedesco per Allianz Italia

Dalla scuola all’azienda: al via il modello tedesco per Allianz Italia
image_pdfimage_print

Il modello tedesco di inserimento al lavoro negli anni di formazione scolastica prende il via anche in Italia grazie ad Allianz Italia. Trenta ragazzi di tre scuole superiori milanesi che frequentano il quarto anno, liceo scientifico e istituti tecnici, hanno avuto la possibilità di un inserimento part-time nella sede centrale dell’azienda assicurativa di Allianz. L’esperimento, che in Germania è già una realtà, consiste nel primo progetto di dualità scuola-lavoro nel nostro paese. Un contratto di assunzione in piena regola, da apprendista negli uffici legali e statistici, che consiste in tre giorni al mese più due mesi interi nel periodo estivo che, se da una parte toglie tempo libero agli studenti, dall’altra favorisce l’inserimento lavorativo e facilità la scelta di un percorso professionale-universitario. Il progetto è stato ideato ed è partito anche grazie alle norme contenute nel Jobs Act, che ha snellito e favorito l’iter di questo innovativo tipo di inclusione nel mondo del lavoro. Fino ad oggi questo tipo di sinergie tra la scuola e la sfera professionale, era ad appannaggio esclusivo degli istituti professionali. Questo tipo di proposte farà sicuramente da apripista per un concetto più innovativo di dualità scuola-lavoro. 

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

EVANGELIZZATORI DIGITALI

A Garanzia Giovani hanno finora partecipato oltre 850 mila giovani: di questi 500 mila sono già stati ricevuti dai Centri per l’impiego. “È il primo progetto italiano che una volta

CAMUSSO: FERMO MERCATO LAVORO

Non c’è nulla di significativo rispetto all’occupazione giovanile, sbotta Susanna Camusso, commentando i dati Istat. “Il tema che continua ad esserci – ha aggiunto la leader della Cgil – è

ISTAT SU MERCATO DEL LAVORO

“Nel mese di luglio la dinamica del mercato del lavoro ha mostrato una battuta d’arresto” testimoniata dal fatto che” gli occupati totali sono diminuiti di circa 63 mila unità (-0,3%)

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento