Meeting giovani consulenti del lavoro

Meeting giovani consulenti del lavoro

Nel Sud dell’Italia il lavoro è ancora una criticità che ha bisogno di una soluzione. Questo è l’allarme lanciato dai giovani consulenti del lavoro delle regioni del Mezzogiorno d’Italia. Le regioni del Sud (Campania,Calabria, Sicilia,Puglia,Basilicata e Sardegna) comprendono circa 20 milioni di abitanti, un terzo dell’intero paese, che hanno un tasso di disoccupazione molto elevato. Se poi si prendono in esame i giovani il dato è inquietante, un tasso che è arrivato ad essere sette volte superiore alla media nazionale. Questo spaccato impietoso è diventato tristemente famoso con il nome di “Questione meridionale 4.0”. Gli obiettivi del primo Meeting dei giovani lavoratori del Sud è appunto un tavolo di lavoro formato da consulenti e tutti gli altri attori del mondo del lavoro. Il programma, che parte dal 22 al 24 Giugno ad AltaFiumara resort SPA di Villa San Giovanni (RC), è stato presentato con una conferenza stampa. Gli argomenti che si affronteranno durante il meeting spaziano dalla cosiddetta “fuga di cervelli”, giovani che si spostano nelle regioni del Nord se non addirittura all’estero, alla qualità del lavoro e della vita nelle regioni del meridione. Del programma faranno parte esperti del settore, professori universitari, politici ed economisti, per un “brainstorming” che prenderà in esame temi che vanno dalla comunicazione al welfare, fino ad arrivare alla connessione scuola-lavoro. Lo scopo finale è la valorizzazione dei talenti che nel Mezzogiorno di certo non mancano.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

POLETTI SU SALARIO MINIMO

La previsione del salario minimo era nella legge delega, ma il governo non l’ha utilizzata “proprio per evitare di aprire un problema a fronte della volontà e necessità che le

Società a controllo pubblico: stop a buonuscite manager

Per le società a controllo pubblico c’è tempo fino al 31 Luglio per mettersi in regola con le nuove norme del decreto Madia. Entro la fine del mese le partecipate

ISTAT: DATI CRESCITA

L’economia italiana continua a crescere con un ritmo moderato: i consumi sono il principale motore a cui si accompagna anche un miglioramento degli investimenti. Lo rileva l’Istat nella nota mensile

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento