Apertura estiva delle scuole , si può?

Apertura estiva delle scuole , si può?

Con l’Estate che incalza diventa un tormentone il quesito: scuola aperta: favorevoli o no? L’idea di una continuità, con un’apertura estiva delle scuole , anche durante la bella stagione, delle attività scolastiche non è nuova e nemmeno recente. Giorgio Rembado, presidente dell’Associazione nazionale dirigenti e alte professionalità della scuola (ANP-CIDA), spiega:”L’apertura delle scuole nel periodo di sospensione non è una novità assoluta. Già lo scorso anno, con uno stanziamento di 10 milioni di euro del Ministero dell’istruzione, si è avuta l’apertura estiva. Con il progetto”Scuola al Centro, nelle aree metropolitane di Milano, Napoli, Palermo e Roma, abbiamo attivato molte attività ludiche-sportive e altre forme di lotta alla dispersione scolastica. Per quest’anno invece abbiamo in programma uno stanziamento del Fondo sociale europeo di circa 240 milioni di euro, non sappiamo però quanti istituti avranno accesso a questi fondi”. Questo tipo di attività potrebbe anche però incorrere nelle difficoltà di coinvolgere docenti e dirigenti scolastici che non vorrebbero continuare a lavorare dopo il 30 giugno, giorno della chiusura delle attività scolastiche. Infatti Rembado dice ancora:” Non è detto che per questo tipo di attività vengano coinvolti dirigenti e docenti, ci stiamo attivando per permettere l’accesso ad altre professionalità, come atleti,coach ed educatori”.   

Fonte Adnkronos

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

ZUCCHETTI ASSUME 45 PERSONE PER SEDI DIVERSE

Zucchetti, il gruppo italiano leader del settore dell’IT che offre soluzioni software, hardware e servizi ad aziende, commercialisti, consulenti del lavoro e associazioni di categoria, attualmente ha al suo attivo

ISTAT: DATI RETRIBUZIONI

Alla fine di maggio 2016 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica riguardano il 36,0% degli occupati dipendenti e corrispondono al 34,8% del monte retributivo

VOLKSWAGEN: RICADUTE IN ITALIA

La vicenda Volkswagen è un fatto grave, che si  proietta anche sul nostro sistema, in quanto in Italia ci sono tanti subproduttori del gruppo tedesco. “Speriamo che non ci siano

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento