Vertenza Ericsson , sciopero in sede Napoli

Vertenza Ericsson , sciopero in sede Napoli

I dipendenti della sede di Napoli della questa mattina hanno manifestato contro il licenziamento di 48 lavoratori. Questa è ormai la quattordicesima procedura di licenziamento attuata dell’azienda, e rischia di mandare a casa il 50% dei dipendenti della sede del centro direzionale. Le sigle sindacali SLC – CGIL Campania hanno indetto immediatamente uno sciopero per sensibilizzare la Ericsson sul problema dei propri lavoratori, il sindacato mette in evidenza che il problema non è affatto economico, l’azienda ha in effetti i conti in ordine, ma piuttosto una politica di sostituzione del parco dipendenti a favore del più conveniente ricorso alle consulenze esterne. Secondo i sindacati questo tipo di politica aziendale rischia concretamente anche un impoverimento della qualità del lavoro oltre a lasciare a casa 48 dipendenti su 104 totali della sede. Inoltre denunciano anche il rifiuto dell’azienda a ricorrere alla cassa integrazione. La vertenza rischia di essere un vero problema, infatti il rischio di una chiusura totale della sede è più che una mera possibilità. 

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

CORBYN SUL LAVORO

Jeremy Corbyn, nuovo leader anti-austerity dell’opposizione laburista britannica, pensa all’introduzione di un “ministero per i diritti dei lavoratori”: per ora nel suo governo ombra, se mai andasse a Downing Street

AUTOGRILL ITALIA SELEZIONA OPERATORI MULTISERVIZIO

Autogrill Italia seleziona Operatori multiservizio da inserire nel proprio organico. I requisiti sono la naturale passione per il mondo della ristorazione, solarità, cortesia, lavoro in squadra, abitudine a muoversi velocemente,

Sud e impresa: una su 4 è donna

Le imprese del meridione, malgrado la crisi che va avanti ormai da molti anni, hanno un primato importante, infatti, un’impresa su 4 è donna. Il mezzogiorno spicca per questo dato

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento