Vertenza Ericsson , sciopero in sede Napoli

Vertenza Ericsson , sciopero in sede Napoli
image_pdfimage_print

I dipendenti della sede di Napoli della questa mattina hanno manifestato contro il licenziamento di 48 lavoratori. Questa è ormai la quattordicesima procedura di licenziamento attuata dell’azienda, e rischia di mandare a casa il 50% dei dipendenti della sede del centro direzionale. Le sigle sindacali SLC – CGIL Campania hanno indetto immediatamente uno sciopero per sensibilizzare la Ericsson sul problema dei propri lavoratori, il sindacato mette in evidenza che il problema non è affatto economico, l’azienda ha in effetti i conti in ordine, ma piuttosto una politica di sostituzione del parco dipendenti a favore del più conveniente ricorso alle consulenze esterne. Secondo i sindacati questo tipo di politica aziendale rischia concretamente anche un impoverimento della qualità del lavoro oltre a lasciare a casa 48 dipendenti su 104 totali della sede. Inoltre denunciano anche il rifiuto dell’azienda a ricorrere alla cassa integrazione. La vertenza rischia di essere un vero problema, infatti il rischio di una chiusura totale della sede è più che una mera possibilità. 

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Lavoro: bonus performances in busta paga

A voler guardare il bicchiere mezzo pieno si potrebbe dire che forse siamo vicini all’addio, senza rimpianti, ad un antico luogo comune che ha pesato (e in parte pesa ancora)

APE: boom di domande, la metà rischia di rimanere fuori

Il successo dell’ APE, l’anticipo della pensione, rischia di diventare un’illusione per la metà dei richiedenti. Il governo si aspettava circa 60 mila domande di anticipo pensionistico ma le domande

LAVORO IN GIORNO FESTIVO

Il datore di lavoro non può costringere un dipendente a lavorare in una giornata festiva infrasettimanale. Ed è illegittima la sanzione disciplinare che punisce il suo rifiuto. Lo ha stabilito

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento