L’esercito di Garanzia Giovani

L’esercito di  Garanzia Giovani

Il piano europeo per  la disoccupazione giovanile, chiamato “ Garanzia Giovani “,sta vivendo un momento di crescita quasi esponenziale. Il numero dei giovani presi in carico o che hanno usufruito di una concreta opportunità previste nel programma è in netta ascesa. I numeri del report settimanale del progetto parlano chiaro: al 15 giugno, giorno dell’uscita dell’ultimo aggiornamento, i presi in carico sono 950.374, quindi un incremento di 2789 unità rispetto alla settimana precedente; tra questi ci sono poi 506.577 a cui è stata proposta almeno una misura del programma, 2023 in più rispetto alla settimana precedente. I numeri dalla fine della fase 1 (31 Dicembre 2015) sono addirittura entusiasmanti, con un incremento del 65,3% dei presi in carico e del 99,2% di quelli a cui è stata proposta concretamente una misura del programma. Aumenta anche il numero delle registrazioni totali, che al netto delle cancellazioni, sono di 1.178.493 circa l’86% in più rispetto alla fine della fase 1.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

ISTAT: MENO GIOVANI A CASA

Scendono al 22,3% nel secondo trimestre 2016 i ragazzi che non sono impegnati né a scuola né a lavoro, i Neet (Not in Education, Employment or Training), che erano al

ENAV: SINDACATI, ACCORDO MODELLO INDUSTRIALE

Dopo una lunga trattativa, sono state sottoscritte due importanti intese, in sede ministeriale, tra Assocontrol, Enav e le organizzazioni sindacali confederali, con il coinvolgimento del ministero dei Trasporti. Ne danno

POLETTI SU GARANZIA GIOVANI

Garanzia Giovani continuerà anche se Bruxelles non garantirà più il suo sostegno economico. Lo ribadisce il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, il quale assicura che il governo continuerà a lavorare

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento