Sono un professionista che sta per stipulare un contratto di collaborazione con…

Sono un professionista che sta per stipulare un contratto di collaborazione con…

Sono un professionista che sta per stipulare un contratto di collaborazione con una pubblica amministrazione, la quale vuole inserire un termine di pagamento di 90 giorni. Ho saputo che ora non è più possibile, è così?

L’articolo 3 del c.d. Jobs Act Lavoro Autonomo (già promulgato dal Presidente della Repubblica e di prossima pubblicazione in Gazzetta Ufficiale) ha stabilito che non possono essere previste clausole mediante le quali le parti concordano termini di pagamento superiori a 60 giorni dalla data del ricevimento, da parte del committente, della fattura o della richiesta di pagamento.

Eventuali clausole in tal senso verranno considerate abusive e prive di effetto.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 536 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Il nuovo apprendistato del ” D.L.Renzi” spazza via il mantenimento minimo di apprendisti e il piano formativo o lascia quasi inalterato il quadro dovendosi rifare al CCNL qualora si sia espresso in merito vedi il CCNL Terziario?

Il Decreto Legge n. 34/2014 ha eliminato la stabilizzazione legale, ridando vita, qualora il contratto collettivo lo preveda, alla stabilizzazione di natura contrattuale. Per quanto attiene al Piano formativo, esso

Nel caso di licenziamento collettivo, l’azienda deve pagare solo il ticket NASPI?

  La risposta è affermativa, l’azienda deve pagare solo il ticket NASPI tranne nel caso previsto dall’articolo 2, comma 35, della Legge 92/2012 (Riforma Fornero) che stabilisce che a decorrere

Il licenziamento o le dimissioni per causa di matrimonio sono nulli ?

La risposta è positiva e le eventuali dimissioni della lavoratrice sono, parimenti, nulle, se non confermate entro un mese dalla presentazione, avanti ad un funzionario della Direzione territoriale del Lavoro.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento