La Cassa integrazione in deroga per gli anni 2014 e 2015 è cambiata?

image_pdfimage_print

Si, per effetto del Decreto interministeriale 1° agosto 2014, n. 83473. L’erogazione è possibile per:

  • situazioni aziendali dovute ad eventi non transitori;
  • situazioni aziendali temporanee determinate da crisi di mercato;
  • crisi aziendali;
  • ristrutturazione e riorganizzazione.

Non è riconosciuta in caso di cessazione dell’impresa o di parte di essa. Sono esclusi i datori di lavoro che non sono imprenditori (professionisti, fondazioni, associazioni, ecc.). La durata complessiva della Cassa integrazione in deroga per il 2014 è non superiore a 11 mesi nell’arco dell’anno. La durata complessiva per il 2015 è non superiore a 5 mesi nell’arco dell’anno.

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Quale è il ruolo delle guardie giurate in azienda?

L’art. 2 della legge n. 300/1970 affida alle guardie giurate il compito della tutela del patrimonio aziendale: esse non possono, in alcun modo, controllare l’attività dei lavoratori, annotare

Nel caso di licenziamento esiste la possibilità del solo risarcimento economico purché il licenziamento avvenga per motivo soggettivo o oggettivo: cosa si intende in particolare?

Quali casi possono considerarsi validi per un licenziamento? Il nuovo contratto a tutele crescenti prevede la reintegra soltanto in casi limite: licenziamento discriminatorio (o nullo: es. licenziamento durante il periodo

La nuova legge sui call center riguarda solo le aziende che effettuano questa attività o anche quelle con un call center al proprio interno?

La norma (articolo 24-bis del decreto legge 22 giugno 2012) parla di “operatori economici” e così come chiarito da una recente nota del ministero del Lavoro (nota prot. 1328 del

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento