INPS: cir.85 – esonero contributivo per coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali

INPS: cir.85 – esonero contributivo per coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali

L’Inps, con la circolare n. 85 del 11 maggio 2017, fornisce le indicazioni operative circa il godimento dell’esonero contributivo per coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, previsto dall’art. 1, commi 344 e 345, della legge 11 dicembre 2016, n. 232 (legge di bilancio 2017).

Al fine di promuovere forme di imprenditoria in agricoltura, ai coltivatori diretti e agli imprenditori agricoli professionali con età inferiore a 40 anni, con riferimento alle nuove iscrizioni nella previdenza agricola effettuate tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2017, è riconosciuto l’esonero dal versamento del 100% dell’accredito contributivo presso l’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia ed i superstiti, per un periodo massimo di 36mesi.

Decorsi i primi 36 mesi l’esonero è riconosciuto, per un periodo massimo di 12 mesi, nel limite del 66% e, per un periodo massimo di ulteriori 12 mesi, nel limite del 50%.

L’esonero è, altresì, riconosciuto ai coltivatori diretti e agli imprenditori agricoli professionali di età inferiore a 40 anni che nell’anno 2016 hanno effettuato l’iscrizione nella previdenza agricola con aziende ubicate nei territori montani e nelle zone agricole svantaggiate. Si forniscono le precisazioni normative e le indicazioni operative per il godimento dell’esonero.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

INL: comunicazione inizio attività gestione del personale ex art. 1, L. 12/1979

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) ha reso operativa la comunicazione telematica che i professionisti iscritti all’Albo dei Dottori commercialisti ed esperti contabili e all’Albo degli Avvocati, che svolgono adempimenti in materia di

Senato, approvato in via definitiva la legge delega sul “Jobs Act”

Il Senato ha approvato in via definitiva, e senza apportare alcuna modifica al testo trasmesso dalla Camera, con 166 voti favorevoli, 112 contrari e 1 astenuto, il ddl n. 1428-B recante “Deleghe

Lavoro accessorio: il correttivo Jobs Act non cambia i requisiti

Col decreto legislativo recante disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi 15 giugno 2015, n. 81 e 14 settembre 2015, numeri 148, 149, 150 e 151, ai sensi dell’articolo 1,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento