In materia di provvedimenti disciplinari cosa si intende con la frase che “ il codice disciplinare deve essere affisso in luogo accessibile a tutti ”?

E’ il principio del “nullum crimen sine lege” rapportato alle procedure disciplinari. Ciò significa che il codice (o le norme del CCNL che regolamentano la materia) debbono essere affisse nel momento in cui viene commessa l’infrazione, non essendo sufficiente che si sia protratta, in precedenza, per un certo periodo (Cass., n.3845/1997), né che possa esser sostituita da un’affissione successiva (Cass., n. 2366/2007). L’onere della ininterrotta avvenuta affissione spetta al datore di lavoro (Cass., n. 1800/1987). La sanzione eventualmente irrogata è nulla perché la conoscibilità del codice disciplinare è condizione essenziale per l’attivazione della procedura disciplinare (Cass., n. 1717/1978; Cass., n. 9158/1997).

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 631 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Nel calcolo delle 30 giornate effettive di lavoro nei 12 mesi precedenti, per avere la NASPI, rientrano anche i giorni di malattia che hanno procurato il licenziamento per superamento del periodo di comporto?

Le giornate di lavoro effettivo per avere la NASPI sono le giornate di effettiva presenza al lavoro a prescindere dalla loro durata oraria. In particolare, esse sono indicate nel flusso

Per l’attivazione dello smart-working, o lavoro agile, in azienda qual è la procedura?

Vorremmo attivare lo smart-working in azienda. Potrei avere qualche indicazione di massima da dove partire, soprattutto se ci sono problemi in merito ad eventuali infortuni? Risposta del Dott. Roberto Camera:

Può un lavoratore rifiutarsi di trasformare il proprio rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale o viceversa?

Il rifiuto del lavoratore alla trasformazione del rapporto non costituisce giustificato motivo di licenziamento.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento