Ho urgenza di incrementare l’ orario di un dipendente disabile per computarlo, attualmente è in malattia e non so quando rientra. ​ E’ possibile incrementare comunque l’ orario di lavoro?

Ho urgenza di incrementare l’ orario di un dipendente disabile per computarlo, attualmente è in malattia e non so quando rientra. ​ E’ possibile incrementare comunque l’ orario di lavoro?

Se il lavoratore disabile è in part-time, qualsiasi rimodulazione definitiva dell’ orario di lavoro deve essere condivisa ed accettata dal lavoratore, per cui se non rientra in azienda non può essere rivisto l’orario. Cosa diversa è l’incremento orario per brevi periodi, per il quale deve essere presente, nel contratto individuale, la clausola elastica; comunque, in questo secondo caso, non si raggiunge lo scopo dell’azienda e cioè il computo del lavoratore ai sensi dell’art. 3 della 68/1999.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 615 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Per i contratti “ stagionali ” si applica il limite delle 5 proroghe ?

Sì, i contratti a tempo determinato stipulati durante il periodo della stagionalità, così come prevista dal DPR 1525/1963 o dalla contrattazione collettiva di riferimento, devono rispettare il limite delle 5

Quesiti sulla Legge n.96/2018 poste dai partecipanti al Webinar di JOL del 4 ottobre 2018

Un Dipendente extra, può essere assunto con contratto a tempo determinato per 12 mesi senza causale e poi ulteriori 12 mesi con la causale. O possiamo solo fargli fare contratti stagionali?

Quali sono gli adempimenti per applicare la detassazione?

L’agevolazione (detassazione) è possibile esclusivamente qualora, nel contratto aziendale, siano presenti i requisiti previsti dal DM 25 marzo 2016 (allegato). In particolare, il DM prevede l’applicazione della tassazione agevolata esclusivamente

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento