In caso di licenziamento per soppressione del posto di lavoro di un ragazzo ex apprendista assunto il 1° marzo 2014, devo obbligatoriamente espletare il tentativo di conciliazione previsto dalla Fornero?

In caso di licenziamento per soppressione del posto di lavoro di un ragazzo ex apprendista assunto il 1° marzo 2014, devo obbligatoriamente espletare il tentativo di conciliazione previsto dalla Fornero?
image_pdfimage_print

L’obbligatorietà del tentativo di conciliazione, preventivo al licenziamento, è richiesto esclusivamente qualora l’azienda sia in tutela reale (sopra i 15 dipendenti) e qualora il lavoratore sia stato qualificato prima del 7 marzo 2015. In caso di qualificazione dopo tale data, il contratto a tempo indeterminato passa a tutele crescenti, senza l’obbligo del tentativo di conciliazione preventivo.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 454 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho un’azienda con 21 lavoratori a tempo indeterminato. Dopo la legge 78/2014 devo rispettare la c.d. stabilizzazione in caso di assunzione di apprendisti?

Ad oggi la stabilizzazione legale è prevista esclusivamente nelle aziende che hanno almeno 50 dipendenti. E’ possibile che il ccnl di riferimento preveda una stabilizzazione, per l’assunzione di apprendisti, con

Quali sanzioni sono previste in caso di inadempienza all’ obbligo formativo ?

Il mancato assolvimento dell’ obbligo formativo , tale da pregiudicare le finalità dell’istituto e di cui sia esclusivamente responsabile il datore di lavoro, comporta il pagamento del doppio della differenza

Il welfare proveniente da PDR, qualora non convertito entro la scadenza, può essere corrisposto in contanti?

Sì. Qualora il lavoratore non abbia convertito in welfare il proprio premio di risultato alla scadenza prevista, questo dovrà essere erogato quale retribuzione e tassato al 10%, sempreché l’azienda abbia

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento