Licenziamento per rimborsi spese “gonfiati” [Cassazione]

cassazione

Con sentenza n. 8820/2017, la Corte di Cassazione ha affermato che con riguardo ad un licenziamento adottato nei confronti di lavoratori che presentano rimborsi spese per pranzi “gonfiati”, è onere del datore di lavoro provare la fondatezza degli addebiti posti alla base del recesso e, in modo particolare, la prova della falsità della partecipazione di terzi ai pranzi per i quali si è richiesto il rimborso.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

INPS: maternità – congedi straordinari per assistenza a familiari disabili

L’INPS ha emanato il messaggio n. 4074 del 2 novembre 2018, con il quale fornisce indicazioni in merito ai congedi straordinari fruiti dalle lavoratrici gestanti per l’assistenza al coniuge convivente o a un figlioin condizione di disabilità

Spazi molto ridotti per l’irrilevanza penale del Falso in Bilancio

È imminente la pubblicazione del decreto legislativo recante “disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto” che dà attuazione alla legge delega 28 aprile 2014, n. 67

Fondo di solidarietà: l'Inps fornisce tutte le istruzioni

L’Inps, con la circolare n. 213 del 2 dicembre 2016, fornisce tutte le istruzioni amministrative, operative e contabili alle richieste e alla fruizione a conguaglio delle prestazioni garantite del Fondo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento