Annullabilità verbale di conciliazione ex art. 411 cpc (Cassazione)

image_pdfimage_print

cassazioneCon sentenza n. 8260 del 30 marzo 2017, la Corte di Cassazione ha affermato che un verbale redatto in sede sindacale ex art. 411 cpc (ma la stessa cosa si può affermare anche per gli altri verbali sottoscritti ex art. 410 cpc o avanti ad una Commissione di certificazione) può essere annullato se al lavoratore, in modo malizioso, sono state nascoste alcune circostanze che lo hanno indotto a sottoscrivere la conciliazione.

Nel caso di specie il lavoratore, dopo una procedura collettiva di riduzione di personale terminata con un accordo ove quale criterio per la riduzione, era stato individuato quello della “volontarietà “, aveva sottoscritto una conciliazione accettando, nella sostanza, l’esodo volontario, ritenendo che la sua postazione lavorativa fosse eliminata.

Il datore di lavoro, aveva, successivamente, proceduto all’assunzione di altro lavoratore destinato a svolgere le stesse mansioni di quello che aveva accettato l’esodo.

La Cassazione ha stabilito che “nell’accordo il silenzio serbato da una delle parti a situazioni di interesse della controparte e la reticenza, qualora l’inerzia della parte si inserisca in un complesso comportamento adeguatamente preordinato, con malizia o astuzia, a realizzare l’inganno perseguito, determinando l’errore del deceptus, integrando gli estremi del dolo omissivo, assume rilevanza ex art. 1439 c.c. “.

Gli artifici e raggiri, così come la reticenza o il silenzio, in caso di dolo omissivo o commissivo, continua la Corte, debbono essere valutati in relazione alle particolari circostanze di fatto, alla qualità ed alle condizioni soggettive dell’altra parte.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

INPS: aziende con il sistema Uniemens – denunce mensili “Anomali e Provvisori”

L’Inps, con il messaggio n. 5207 del 6 agosto 2015, fornisce alcuni chiarimenti alle denunce anomale e provvisorie che riportano una “squadratura” tra la somma dei singoli elementi contributivi individuali

Collaborazione con ex dipendente in pensione [cassazione]

Con sentenza n. 4346 del 4 marzo 2015, la Corte di Cassazione ha affermato che rapporti di collaborazione effettuati con ex dipendenti, ora titolari di pensione, devono essere ricondotti nell’ambito di rapporti di lavoro

Ministero del Lavoro: sicurezza del lavoro in ambito ferroviario

La Commissione per gli interpelli in materia di salute e sicurezza del Ministero del Lavoro, con interpello n. 5 del 25 giugno 2018, ha fornito, alla Associazione FerCargo, un parere in merito “al

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento