Ho una azienda che lavora in modo discontinuo, come faccio senza i voucher?

Ho una azienda che lavora in modo discontinuo, come faccio senza i voucher?

Da sabato 17 marzo 2017 è vigente il Decreto Legge n. 25/2017 che abroga, dalla stessa data, il Lavoro Accessorio.

Viene lasciato un periodo transitorio, per i voucher acquistati in precedenza, che potranno essere utilizzati, per prestazioni di lavoro accessorio, entro il 31 dicembre 2017.

È previsto un disegno di legge che andrà a “ricostituire” il lavoro accessorio, ma, dalle prime indiscrezioni, riguarderà esclusivamente le famiglie.

Ad oggi, le alternative al lavoro accessorio sono: contratto intermittente o lavoro autonomo occasionale (art. 2222 c.c.). In entrambi i casi, vanno valutate nel concreto le modalità operative che l’azienda intende instaurare.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 520 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

E’ vero che ci sarà l’indennità di disoccupazione anche per i lavoratori a progetto?

Dal 1° maggio 2015 è prevista una nuova indennità di disoccupazione (DIS-COLL) riconosciuta ai collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto, che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione nel periodo compreso

Un dipendente con contratto di lavoro a tempo parziale vorrebbe evitare di inserire la collocazione temporale. È possibile?

In premessa, faccio presente che l’articolo 5, comma 2, del DLvo n. 81/2015, stabilisce che “Nel contratto di lavoro a tempo parziale è contenuta puntuale indicazione della durata della prestazione

Il limite dei 3.000 euro netti (vouchers) per i soggetti che percepiscono un’indennità di sostegno al reddito è da intendersi globale. Non c’è un limite di 2.000 euro netti per committente o sbaglio??

Rimane il limite di € 2000 per committente imprenditore o professionista. Qualora la persona vado a lavorare da un privato, esempio come babysitter, può prestare lavoro accessorio per un massimo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento