Bonus baby sitter 2017 – Blocco delle domande per abrogazione dei voucher

image_pdfimage_print

Abrogazione dei voucher. Con l’abolizione del Lavoro Accessorio, non è possibile usufruire dell’incentivo previsto per la madre lavoratrice che aveva la facoltà di richiedere, al termine del congedo di maternità ed entro gli undici mesi successivi, in alternativa al congedo parentale, voucher per l’acquisto di servizi di baby sitting, pari a  600 euro in voucher, per ogni mese di congedo parentale non fruito dalla lavoratrice(previsto dall’articolo 4, comma 24, lettera b) della legge 28 giugno 2012, n.92).

L’agevolazione, inizialmente introdotta per il triennio 2013 – 2015, era stata prorogata anche per l’anno 2016 a condizione che il servizio venisse svolto entro e non oltre il 31 luglio 2017, da una struttura scelta dalla lavoratrice tra quelle presenti nell’elenco gestito dall’Istituto e relativo all’anno 2016 (circ. Inps n. 216/2006).

Il contributo concesso per il pagamento dei servizi di baby sitting doveva essere erogato attraverso il sistema di “buoni lavoro” ex art. 48 del decreto legislativo n. 81/2015, abrogato dal D.L. n. 25/2017.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 481 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Corte di Giustizia UE: necessario il DURC per partecipare a gare d'appalti

Con sentenza relativa alla causa C-199/15 depositata il 10 novembre 2016, la Corte Europea di Giustizia ha affermato che è compatibile con la normativa comunitaria (art. 45 della direttiva 2004/18/CE)

Interpello del Ministero del Lavoro : Lavoro intermittente e addetto call-center

La Direzione Generale per l’Attività Ispettiva del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con interpello n. 10 del 25 marzo 2014, ha risposto ad un quesito del Consiglio Nazionale dell’Ordine

Iter disciplinare e consultazione della documentazione di addebito [Cassazione]

Con sentenza n. 23408 del 6 ottobre 2017, la Corte di Cassazione ha affermato che non esiste alcun obbligo per il datore di lavoro, nell’ambito di un iter disciplinare ex

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento