Bonus baby sitter 2017 – Blocco delle domande per abrogazione dei voucher

image_pdfimage_print

Abrogazione dei voucher. Con l’abolizione del Lavoro Accessorio, non è possibile usufruire dell’incentivo previsto per la madre lavoratrice che aveva la facoltà di richiedere, al termine del congedo di maternità ed entro gli undici mesi successivi, in alternativa al congedo parentale, voucher per l’acquisto di servizi di baby sitting, pari a  600 euro in voucher, per ogni mese di congedo parentale non fruito dalla lavoratrice(previsto dall’articolo 4, comma 24, lettera b) della legge 28 giugno 2012, n.92).

L’agevolazione, inizialmente introdotta per il triennio 2013 – 2015, era stata prorogata anche per l’anno 2016 a condizione che il servizio venisse svolto entro e non oltre il 31 luglio 2017, da una struttura scelta dalla lavoratrice tra quelle presenti nell’elenco gestito dall’Istituto e relativo all’anno 2016 (circ. Inps n. 216/2006).

Il contributo concesso per il pagamento dei servizi di baby sitting doveva essere erogato attraverso il sistema di “buoni lavoro” ex art. 48 del decreto legislativo n. 81/2015, abrogato dal D.L. n. 25/2017.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 443 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ammortizzatori in deroga – i criteri per la concessione delle prestazioni (Min. Lavoro)

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha emanato la circolare n. 19 del 11 settembre 2014,  in applicazione delle disposizioni contenute nel Decreto Interministeriale n. 83473 del 1° agosto 2014 che definisce

Sicurezza sul lavoro : i nuovi requisiti del formatore

Il 18 marzo 2014 è entrato in vigore il decreto interministeriale 6 marzo 2013 sui nuovi “requisiti minimi” che deve possedere il formatore della sicurezza nei confronti dei lavoratori, dei

Passaggio di azienda e non riconoscimento delle agevolazioni [Cassazione]

Con sentenza n. 10431 del 2 maggio 2018, la Corte di Cassazione ha affermato che in caso di passaggio di azienda, realizzatosi attraverso un contratto di affitto, il nuovo datore di lavoro non può

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento