Agenzia Entrate: informazioni per i soggetti titolari di partita IVA

image_pdfimage_print

agenzia-entrate

L’ Agenzia delle Entrate ha emanato il provvedimento n. 57490/E del 24 marzo 2017, con la quale, al fine di introdurre nuove e più avanzate forme di comunicazione tra l’Amministrazione fiscale e il contribuente, stimolare l’assolvimento degli obblighi tributari e favorire l’emersione spontanea delle basi imponibili, mette a disposizione di specifici contribuenti soggetti passivi IVA le informazioni derivanti dal confronto con i dati comunicati dai loro clienti all’ Agenzia delle Entrate da cui risulterebbe che gli stessi abbiano omesso, in tutto o in parte, di dichiarare il volume d’affari conseguito.

Al contribuente sono rese disponibili le seguenti informazioni:

  1. codice fiscale, denominazione, cognome e nome del contribuente;
  2. numero identificativo della comunicazione e anno d’imposta;
  3. codice atto;
  4. totale operazioni comunicate dai clienti soggetti passivi IVA ai sensi dell’articolo 21 del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78;
  5. modalità attraverso le quali consultare gli elementi informativi di dettaglio relativi all’anomalia riscontrata.

Inoltre, sono resi disponibili i seguenti dati:

  1. protocollo identificativo e data di invio della dichiarazione IVA, per il periodo d’imposta oggetto di comunicazione, nella quale le operazioni attive risultano parzialmente o totalmente omesse;
  2. somma algebrica dell’ammontare complessivo delle operazioni riportate nei righi VE23, colonna 1 (Totale imponibile), VE31 (Operazioni non imponibili a seguito di dichiarazione d’intento), VE32 (Altre operazioni non imponibili), VE33 (Operazioni esenti), VE35, colonna 1 (Operazioni con applicazione del reverse charge), VE37, colonna 1 (Operazioni effettuate nell’anno ma con imposta esigibile in anni successivi) e VE38 (Operazioni effettuate in anni precedenti ma con imposta esigibile nell’anno oggetto di comunicazione) della dichiarazione di cui al punto 1);
  3. importo totale delle operazioni comunicate dai clienti soggetti passivi IVA ai sensi dell’articolo 21 del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78;
  4. ammontare delle operazioni attive che non risulterebbero riportate nel modello di dichiarazione di cui al punto 1);
  5. dati identificativi dei clienti soggetti passivi IVA (denominazione e codice fiscale);
  6. ammontare degli acquisti comunicati da ciascuno dei clienti soggetti passivi IVA di cui al punto 5).

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Criteri di qualificazione del docente formatore in materia di salute e sicurezza sul lavoro

La Commissione per gli interpelli del Ministero del Lavoro ha fornito, al Consiglio Nazionale degli Ingegneri, risposta ad un interpello in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Con interpello

Compatibilità e cumulabilità del lavoro accessorio con le prestazioni di sostegno al reddito

L’Inps, con la circolare n. 170 del 13 ottobre 2015, descrive, in maniera sintetica, l’istituto del lavoro accessorio, con particolare riferimento alla sua compatibilità e cumulabilità con le prestazioni di

ISTAT: dati occupazione – settembre 2018

Pubblichiamo la nota mensile dell’Istat, del 31 ottobre 2018, sull’andamento dell’occupazione in Italia ad settembre 2018. Dopo l’aumento del mese scorso, la stima degli occupati a settembre 2018 torna a calare leggermente

1 Commento

Lascia un commento