Cassazione: licenziamento disciplinare e mancata affissione del codice disciplinare

image_pdfimage_print

cassazioneCon sentenza n. 4826 del 24 febbraio 2017, la Corte di Cassazione ha ribadito come, in materia di licenziamento disciplinare, il principio di necessaria pubblicità del codice disciplinare mediante affissione in luogo accessibile a tutti non si applica nei casi in cui il licenziamento sia irrogato per sanzionare condotte del lavoratore che concretizzano violazione di norme penali o che contrastano con il cosiddetto “minimo etico”, mentre deve essere data adeguata pubblicità al codice disciplinare con riferimento a comportamenti che violano mere prassi operative, non integranti usi normativi o negoziali.

I giudici della Suprema Corte hanno evidenziato, in particolare, come la necessità della pubblicità non possa riguardare un comune minimo etico e le fondamentali norme di ordine penale.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Interpelli in materia di salute e sicurezza sul lavoro [Min. Lavoro]

La Commissione per gli interpelli in materia di salute e sicurezza del Ministero del Lavoro pubblica le seguenti risposte ad interpello (segui link) : 21/03/2016 – n. 1 / 2016

Inabilità permanente e licenziamento [Cassazione]

Con sentenza n. 8419/2018, la Cassazione ha affermato che in caso di Inabilità permanente il datore di lavoro deve verificare se nella propria organizzazione esistono posizioni di lavoro confacenti, anche

Cassazione su: decorrenza del licenziamento disciplinare / assenze ingiustificate dopo demansionamento o licenziamento

* decorrenza del licenziamento disciplinare Con sentenza n. 8180 del 22 aprile 2016, la Corte di Cassazione ha affermato che, seppur il lavoratore abbia presentato le proprie giustificazioni prima del

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento