Cassazione: licenziamento disciplinare e mancata affissione del codice disciplinare

image_pdfimage_print

cassazioneCon sentenza n. 4826 del 24 febbraio 2017, la Corte di Cassazione ha ribadito come, in materia di licenziamento disciplinare, il principio di necessaria pubblicità del codice disciplinare mediante affissione in luogo accessibile a tutti non si applica nei casi in cui il licenziamento sia irrogato per sanzionare condotte del lavoratore che concretizzano violazione di norme penali o che contrastano con il cosiddetto “minimo etico”, mentre deve essere data adeguata pubblicità al codice disciplinare con riferimento a comportamenti che violano mere prassi operative, non integranti usi normativi o negoziali.

I giudici della Suprema Corte hanno evidenziato, in particolare, come la necessità della pubblicità non possa riguardare un comune minimo etico e le fondamentali norme di ordine penale.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Lavoratori stagionali: circolare su condizioni d’ingresso e soggiorno

Con la circolare n. 37 del 16 dicembre 2016, la Direzione Generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali fornisce indicazioni in merito

Lavoro intermittente e licenziamento per raggiungimento limiti di età [Cassazione]

Con sentenza n. 4293 del 21 febbraio 2018, la Corte di Cassazione, facendo propri i princìpi espressi dalla Corte Europea di Giustizia nella causa C- 143/16, ha affermato che la

Iter disciplinare e consultazione della documentazione di addebito [Cassazione]

Con sentenza n. 23408 del 6 ottobre 2017, la Corte di Cassazione ha affermato che non esiste alcun obbligo per il datore di lavoro, nell’ambito di un iter disciplinare ex

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento