Le tipologie contrattuali più utilizzate in Italia dal 2012 al 2016

Le tipologie contrattuali più utilizzate in Italia dal 2012 al 2016
image_pdfimage_print

Riprendendo quanto indicato dal Ministero del Lavoro, sui  movimenti dei rapporti di lavoro in Italia registrati dal Sistema delle Comunicazioni Obbligatorie, abbiamo elaborato i seguenti grafici che forniscono un quadro delle tipologie contrattuali più utilizzate in Italia (periodo 2012-2016).

Possiamo vedere:

  • i rapporti a tempo indeterminato sono calati di ben 690mila unità tra il 2015 ed il 2016;

OCCUPAZIONE-TI-2012-2016

  • indipendentemente dalla predisposizione di molti limiti all’utilizzo del contratto a tempo determinato, questa è la tipologia contrattuale in assoluto più utilizzata dalle aziende, nel corso degli ultimi anni;

OCCUPAZIONE-TD-2012-2016

  • le collaborazioni, anch’esse oggetto di limitazioni normative, hanno subìto un rallentamento di 270mila unità dal 2014 al 2016.

OCCUPAZIONE-CO-2012-2016

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Garanzia giovani : incentivi per l’occupazione ( E. Massi )

Con il «Programma Garanzia Giovani », cofinanziato dal Fondo sociale europeo, a seguito della Decisione Ce 2014/4969 dell’11 luglio 2014, l’Esecutivo ha dato attuazione ad una strategia articolata, finalizzata a

Nutrita rappresentanza di Generazione Vincente alla 5° edizione del Forum TuttoLavoro 2018

La 5° edizione della kermesse tutta dedicata al mondo del lavoro, Forum TuttoLavoro 2018, ha come titolo “L’evoluzione del lavoro oggi tra flessibilità e precariato”, si terrà nella Capitale il

Sempre utilizzabile personale in somministrazione per l’esecuzione di appalti, anche pubblici. Il ricorso alla somministrazione di manodopera non configura subappalto.

Differenze tra appalto e somministrazione Dottrina e oramai unanime Giurisprudenza concordano nel ritenere che la differenza fondamentale tra contratto di somministrazione di manodopera ed appalto di servizi vada ricercata proprio

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento