Milleproroghe: le principali novità in materia di lavoro

image_pdfimage_print

MilleprorogheCon 153 voti favorevoli e 99 contrari Il Senato, nella giornata del 16 febbraio, ha votato la fiducia al Governo, approvando l’emendamento di conversione in legge del decreto-legge 30 dicembre 2016, n. 244 (c.d. decreto Milleproroghe).

Nell’emendamento sono state previste ulteriori novità in materia di lavoro. Queste le principali:

PENSIONI

E’ stato rinviato al 2018 l’adeguamento delle pensioni, volto a compensare l’inflazione che prevede la restituzione dello 0,1% sugli assegni previdenziali.

DENUNCE INFORTUNIO

Slitta dal 2 aprile al 12 ottobre 2017, la data di inizio dell’obbligo di comunicazione degli infortuni che comportano un’assenza dal lavoro di un solo giorno, oltre a quello in cui è avvenuto l’infortunio.

DIS-COLL

Viene prorogata l’erogazione del sussidio di  disoccupazione per i collaboratori sino al 30 giugno 2017.

LUL TELEMATICO

L’obbligo di tenuta telematico del Libro Unico del Lavoro, inizialmente fissato al 1° gennaio 2017, slitta al 1° gennaio 2018.

DISABILI

Viene rimandata al 1° gennaio 2018, la soppressione dell’art. 3, comma 2, del legge n. 68/1999. In considerazione di ciò, per il collocamento di disabili presso i datori di lavoro che occupano da 15 a 35 dipendenti, continuano ad applicarsi le norme previgenti e l’obbligo di assunzione non scatta se non vi sono nuove assunzioni. La norma, ancora in essere per tutto il 2017, prevede, nelle aziende da 15 a 35 dipendenti, un anno di tempo per assumere un lavoratore disabile dal momento in cui veniva effettuata una nuova assunzione (la sedicesima).

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

INPS: reddito derivante da attività di lavoro autonomo in agricoltura ai fini della cumulabilità con l’indennità di disoccupazione NASpI

L’INPS ha emanato il messaggio n. 3460 del 21 settembre 2018, fornisce precisazioni in materia di reddito derivante da attività di lavoro autonomo in agricoltura ai fini della cumulabilità con l’indennità di

Ministero del Lavoro: interpello 4/2018 – indennità di maternità per le lavoratrici libere

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha emanato l’interpello n. 4 del 29 maggio 2018, con il quale risponde ad un quesito del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, concernente la base

Le cinque deleghe contenute nel DDL

Tra le misure presentate il 12 marzo scorso dal Consiglio dei Ministri, gli interventi più significativi arriveranno dal disegno di legge che, attraverso una serie di deleghe all’esecutivo da adottare

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento