Nel caso di licenziamento collettivo, l’azienda deve pagare solo il ticket NASPI?

Nel caso di licenziamento collettivo, l’azienda deve pagare solo il ticket NASPI?
image_pdfimage_print

 

La risposta è affermativa, l’azienda deve pagare solo il ticket NASPI tranne nel caso previsto dall’articolo 2, comma 35, della Legge 92/2012 (Riforma Fornero) che stabilisce che a decorrere dal 1° gennaio 2017, nei casi di licenziamento collettivo in cui la dichiarazione di eccedenza del personale (di cui all’articolo 4, comma 9, della legge 23 luglio 1991, n. 223), non abbia formato oggetto di accordo sindacale, il ticket NASpI è moltiplicato per 3 volte.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Esistono delle regole dettate da CCNL o leggi o prassi in uso in merito alla pausa pranzo (durata, modalità, etc) per i dipendenti ?

L’articolo 8 del D.L.vo n. 66/2003 C prescrive obbligatoriamente una pausa di almeno 10 minuti (o quanto stabilito dal Ccnl di riferimento) nel caso di superamento delle 6 ore di lavoro.

L’obbligo di compenso è previsto per tutti i tipi di tirocini?

No, l’indennità di partecipazione è obbligatoria esclusivamente per i c.d. tirocini extra-curriculari, cioè quelli previsti al di fuori di un piano di studi. Quelli, per intenderci, che vanno comunicati al

Una convenzione con un Ente formativo per l’istituzione di un tirocinio può essere​​ multiplo. Ossia deve indicare il nominativo del ragazzo oppure può riguardare un periodo di tempo entro il quale è possibile stipulare più tirocini?​

La convenzione per l’istituzione di un tirocinio può prevedere un periodo, anche di un anno o più, entro il quale stipulare più tirocini curriculari tra il soggetto promotore e quello

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento