Nel caso di licenziamento collettivo, l’azienda deve pagare solo il ticket NASPI?

Nel caso di licenziamento collettivo, l’azienda deve pagare solo il ticket NASPI?
image_pdfimage_print

 

La risposta è affermativa, l’azienda deve pagare solo il ticket NASPI tranne nel caso previsto dall’articolo 2, comma 35, della Legge 92/2012 (Riforma Fornero) che stabilisce che a decorrere dal 1° gennaio 2017, nei casi di licenziamento collettivo in cui la dichiarazione di eccedenza del personale (di cui all’articolo 4, comma 9, della legge 23 luglio 1991, n. 223), non abbia formato oggetto di accordo sindacale, il ticket NASpI è moltiplicato per 3 volte.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

In caso di dimissioni di un lavoratore a chiamata, è necessaria la comunicazione telematica o bastano le dimissioni cartacee?

Un lavoratore “intermittente” è, a tutti gli effetti, equiparato ad un lavoratore ordinario, per cui deve presentare le dimissioni nelle forme previste dalla legge (art. 26, DLvo 151/2015): modalità telematica.

Ho una lavoratrice che ha un figlio di 2 anni, deve presentare le dimissioni online?

Nei casi di dimissioni presentate da lavoratrice nel periodo di gravidanza o durante i primi 3 anni di vita del bambino, è richiesta esclusivamente la convalida delle stesse presso L’Ispettorato

Rappresento un’azienda. Ho sentito parlare dell’ASSE.CO, quale asseverazione alla regolarità del datore di lavoro. Mi può dire di cosa si tratta?

Lo scorso anno il Ministero del Lavoro ed il Consiglio Nazione dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro hanno firmato un protocollo d’intesa per l’istituzione dell’ ASSE.CO . Si tratta di una autodichiarazione, avallata da

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento