fbpx

Nel caso di licenziamento collettivo, l’azienda deve pagare solo il ticket NASPI?

Nel caso di licenziamento collettivo, l’azienda deve pagare solo il ticket NASPI?

 

La risposta è affermativa, l’azienda deve pagare solo il ticket NASPI tranne nel caso previsto dall’articolo 2, comma 35, della Legge 92/2012 (Riforma Fornero) che stabilisce che a decorrere dal 1° gennaio 2017, nei casi di licenziamento collettivo in cui la dichiarazione di eccedenza del personale (di cui all’articolo 4, comma 9, della legge 23 luglio 1991, n. 223), non abbia formato oggetto di accordo sindacale, il ticket NASpI è moltiplicato per 3 volte.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1368 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

I 100 euro quale welfare previsto dal CCNL Metalmeccanica industria possono essere convertiti in contanti?

A mio avviso, ciò non è possibile in quanto l’articolo 17 del Ccnl Metalmeccanica industria prevede l’erogazione di strumenti di welfare del valore di 100 euro, per l’anno 2017. Questa

Ho letto che dal 1° luglio, in Emilia-Romagna, cambia la normativa regionale sui tirocini. È vero che se l’azienda ha effettuato dei licenziamenti individuali non può attivare tirocini?

Il blocco dei tirocini in Emilia-Romagna avviene qualora siano stati effettuati licenziamenti per GMO (giustificato motivo oggettivo), nei 12 mesi precedenti, presso la medesima unità operativa. Inoltre, si fa riferimento

È possibile frazionare il godimento di ore malattia del bambino con quelle di allattamento nei contratti full time?

I “Congedi per la malattia del figlio” vanno intesi come giorni di astensione dal lavoro per i “periodi corrispondenti alle malattie di ciascun figlio” (articolo 47 del D.L.vo 151/2001). Non

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento