Palmeri al convegno organizzato dalla FAI Cisl: “Con la Legge 199/2016 massima attenzione contro il caporalato”

Palmeri al convegno organizzato dalla FAI Cisl: “Con la Legge 199/2016 massima attenzione contro il caporalato”
image_pdfimage_print

Si è svolto oggi, presso il Grand Hotel Salerno, il convegno organizzato dalla Fai Cisl regionale (federazione agro-alimentare), di concerto con la Cisl Campania e Anolf Campania (l’associazione Oltre le Frontiere), sul tema “Insieme  contro il caporalato: legalità e contratti per riscattare il lavoro agricolo e rilanciare lo sviluppo”.

La lotta al caporalato rappresenta una battaglia quotidiana volta a difendere la dignità dei lavoratori, isolare chi li sfrutta salvaguardando, allo stesso tempo, le aziende in regola. I lavori sono stati introdotti dal segretario generale della Fai Cisl Campania, Raffaele Tangredi, con la partecipazione del segretario nazionale della Fai Cisl Luigi Sbarra e Piero Ragazzini, segretario confederale Cisl e Commissario Regionale della Cisl Campania.

Sono anche intervenuti Sonia Palmeri, assessore Demanio e Patrimonio Lavoro e Risorse Umane Regione Campania, Francesco Alfieri, consigliere del Presidente delegato all’Agricoltura e alla Pesca Regione Campania, Alberto Scuderi, direttore INPS Regionale Campania, Rosario Rago, Presidente Confagricoltura Campania, Salvatore Loffreda, direttore regionale Coldiretti Campania.

La Regione Campania si conferma essere in prima linea contro il caporalato, in particolare grazie al contributo fondamentale dell’assessore regionale al lavoro Sonia Palmeri cofirmataria del protocollo d’intesa con il Ministro del lavoro, con il Ministro degli interni e il Ministro delle politiche agricole per il contrasto allo sfruttamento del lavoro soprattutto nelle province di Caserta e di Salerno.

“Dopo il varo della Legge 199/2016 che ha inasprito le sanzioni per il caporalato e – ricorda Palmeri – le ha introdotte per i datori di lavoro che utilizzano manodopera da destinare a sfruttamento, punendo gli autori del reato con la reclusione da 1 a 8 anni, l’attenzione sul tema deve essere massima”. “Le iniziative già intraprese dall’assessorato da me diretto continuano ed il nostro tavolo permanente dovrà essere inclusivo di chiunque possa darci un contributo in termini non solo repressivi, ma anche e soprattutto – conclude – di innalzamento della filiera di qualità dei prodotti finali”.

Fonte: Agenparl.com

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1255 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Agricoltura: parte in Puglia il “Pacchetto Giovani”

Dal 18 Luglio è partito uno dei bandi più attesi del Programma di sviluppo rurale 2014-2020 della Puglia, ovvero il “Pacchetto Giovani” dedicato al primo insediamento degli under 40 in

Caporalato, il capo della Mobile di Latina: “così si colpisce chi non rispetta le regole”

Quelli di Latina sono solo gli ultimi arresti nell’ambito dell’operazione “Alto Impatto-freedom” attuata per combattere il caporalato in tutto il territorio nazionale. I due arresti, di padre e figlia imprenditori

Tavolo di confronto sulle attività di contrasto al fenomeno del caporalato e del lavoro nero in agricoltura

Assolavoro (Agostino Di Maio) ha partecipato, su invito del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, al tavolo di confronto sulle attività di contrasto al fenomeno del caporalato e del lavoro

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento