Nell’ impresa familiare (art. 230 –bis c.c.) come funziona la partecipazione alle decisioni?

image_pdfimage_print

Il potere di gestione ordinaria spetta al titolare (Cass., n. 10412/1995). I  partecipanti all’ impresa familiare, a maggioranza, adottano le decisioni relative alla gestione straordinaria, agli indirizzi della produzione, alla cessazione dell’impresa, alla ripartizione degli utili e degli incrementi economici. Il diritto di partecipazione è intrasferibile a favore di altri familiari se non c’è il consenso di tutti i partecipanti (ma può, sempre, essere liquidato).

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Qual è la data di licenziamento disciplinare: la data di contestazione o di lettera di licenziamento?

Il   licenziamento   intimato   all’esito   del   procedimento disciplinare produce effetto dal giorno della comunicazione con cui il procedimento medesimo  è  stato  avviato (lettera di contestazione),  salvo  l’eventuale diritto del  lavoratore  al 

Sono una lavoratrice che si è dimessa ma non ha provveduto a convalidare le dimissioni così come previsto dalla normativa. Le dimissioni sono comunque valide? Se ritengo di aver commesso un errore nel presentarle, posso revocarle?

L’efficacia delle dimissioni dipende sia dalla convalida attuata secondo quanto previsto dalla c.d. Riforma del Lavoro (direttamente sul modulo di dimissioni inviato al Centro per l’impiego, ovvero andando

Vorrei assumere nel 2018 un lavoratore francese che lavora in Messico, a quale tipo di agevolazione posso accedere?

Per il caso prospettato si può applicare l’ agevolazione prevista dall’articolo 16, comma 1, D.lgs. n. 147 del 2015. Detta norma prevede la possibilità di una esenzione del 50% del

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento