Inps: abrogate mobilità e disoccupazione edilizia

image_pdfimage_print

InpsL’Inps, con il messaggio n. 99 del 11 gennaio 2017, in merito all’abrogazione dei trattamenti di mobilità ordinaria e di disoccupazione edilizia, informa circa la cessazione dell’obbligo di versamento della relativa contribuzione di finanziamento e del recupero delle somme versate a titolo di anticipazione del contributo d’ingresso alla mobilità.

Tale abrogazione è dovuta alla L. 92/2012, c.d. Riforma Fornero, la quale comporta anche dal 1° gennaio 2017:
1) la cessazione dell’obbligo di versamento delle seguenti forme contributive:

  • contributo ordinario di mobilità, pari allo 0.30% della retribuzione imponibile (art. 16, c. 2, lett. a), legge n. 223/91);
  • contributo d’ingresso alla mobilità (art. 5, c. 4, legge n. 223/91);
  • contributo aggiuntivo per il trattamento speciale DS per l’edilizia, pari allo 0.80% della retribuzione imponibile (art. 15 legge n. 427/75);

2) le aziende che abbiano avviato una procedura di licenziamento collettivo o adottato licenziamenti entro il 30 dicembre 2016, sono comunque tenute al versamento sia dell’anticipazione che del contributo d’ingresso alla mobilità;

3) le aziende che hanno avviato la procedura di licenziamenti collettivi a far tempo dal 31 dicembre 2016, i datori di lavoro non saranno più tenuti al pagamento del contributo d’ingresso ex art. 5, co. 4, legge n. 223/91;

4) l’abrogazione degli incentivi per l’assunzione di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

TOSCANA: PIÙ ARMI CONTRO IL CAPORALATO

Le aziende agricole che non rispettano le regole sulla sicurezza non potranno accedere o mantenere i finanziamenti europei. Questo uno dei punti chiave del protocollo d’intesa promosso dalla Regione Toscana

ISTAT: INDAGINE SU PIL E DISOCCUPAZIONE

Sempre più italiani conoscono l’andamento del pil mentre hanno meno familiarità con l’inflazione e sono più impreparati sulla disoccupazione. E’, in sintesi, quanto emerge dai risultati presentati dall’Istat sulla conoscenza

CAMUSSO, FIDUCIA SI MA SERVE LAVORO

“Se non riparte l’occupazione possiamo bearci ogni giorno degli indici di fiducia ma poi questi vengono smentiti dalla condizione concreta delle persone”. E la legge di Stabilità non fa quel

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento