Vorrei sapere se è possibile effettuare le dimissioni attraverso un consulente del lavoro esterno alla mia azienda.

Vorrei sapere se è possibile effettuare le dimissioni attraverso un consulente del lavoro esterno alla mia azienda.

 

Sono a conoscenza che è possibile effettuare le dimissioni tramite il consulente del lavoro. Vorrei sapere se devo andare presso il consulente dell’azienda oppure posso andare presso un qualsiasi consulente del lavoro. Inoltre, se posso andare presso il mio commercialista che è anche consulente della azienda presso la quale lavoro.

Le nuove disposizioni normative in materia di dimissioni prevedono l’obbligo, in capo al lavoratore, di procedere telematicamente a trasmettere le dimissioni al proprio datore di lavoro attraverso il sito cliclavoro.gov.it. In alternativa, il lavoratore può usufruire dei servizi resi da un patronato, sindacato, Direzione del lavoro ovvero un consulente del lavoro. In questo ultimo caso, deve verificare che il consulente sia iscritto all’ordine dei consulenti del lavoro della Provincia presso la quale opera. Il commercialista non è abilitato ad assistere il lavoratore.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 496 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Un’azienda chiede la possibilità di variare ad un apprendista la mansione nel corso del periodo formativo. A questo punto ci chiedevamo quali adempimenti l’azienda deve predisporre perché la variazione non comporti alcun rischio per l’azienda e per il lavoratore.

Ritengo che la modifica possa avvenire esclusivamente rivedendo il Piano formativo individuale previsto per l’apprendista e semprechè il periodo di apprendistato già fruito non sia “evidente”. Dopodiché, per avere un imprimatur

Un collaboratore che opera presso la mia azienda ha un contratto a progetto che scadrà il prossimo 31/08/2015. Secondo quanto leggo il contratto dovrà cessare alla scadenza per cui, volendo continuare il rapporto, le chiedo quali siano le possibilità aperte.

Prima di dare una risposta, avrei bisogno di conoscere, in concreto, l’attività svolta dal collaboratore. In linea di massima, la collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.) non è stata abrogata dalla

In caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, con risoluzione consensuale, il lavoratore rischia di non accedere alla Naspi?

Abbiamo effettuato, presso l’ispettorato del lavoro, un verbale conciliativo con un nostro dipendente. Nella richiesta c’era il licenziamento per Giustificato Motivo Oggettivo, in quanto l’azienda stava procedendo a sopprimere la

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento