Distacco transnazionale di lavoratori: indicazioni operative dall’INL

distacco transnazionaleL’Ispettorato Nazionale del Lavoro con la circolare n. 1 del 9 gennaio 2017, fornisce, agli organi di vigilanza, indicazioni operative in materia di distacco transnazionale dei lavoratori.

La circolare specifica l’ambito applicativo della nuova disciplina prevista dal Decreto Legislativo n. 136/2016 di recepimento della Direttiva 2014/67/UE. L’INL si sofferma sull’autenticità del distacco transnazionale e sugli elementi oggetto di verifica da parte del personale ispettivo, chiarendo gli aspetti sanzionatori e le responsabilità che ricadono sulle parti in caso di accertamento di un distacco fittizio.

Nello specifico la circolare si sofferma su:

  • campo di applicazione del D.Lgs. n. 136/2016;
  • settore del trasporto su strada;
  • autenticità del distacco transnazionale ed elementi oggetto di verifica;
  • distacco non autentico ed interposizione illecita;
  • tutele per il lavoratore e regime sanzionatorio in caso di distacco non autentico;
  • condizioni di lavoro;
  • responsabilità solidale;
  • provvedimento di diffida accertativa;
  • adempimenti amministrativi in capo al prestatore di servizi.

L’INL, inoltre, ricorda che gli importi delle suddette sanzioni amministrative non possono essere superiori a 150.000 euro rispetto a ciascuna violazione.

In merito alla conservazione della documentazione, la violazione è configurabile non solo nel caso in cui essa non venga esibita, sotto richiesta degli organi ispettivi, ma anche nel caso in cui i documenti consegnati non siano tradotti in lingua italiana. In tal caso alle violazioni in questione è applicabile l’istituto della diffida di cui all’art. 13 del D. Lgs. n.124/2004.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1276 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Licenziamento disciplinare per sviamento di clientela

La Corte di Appello di Genova, con sentenza n. 66 del 25 febbraio 2015, ha affermato che ricorrono gli estremi del licenziamento disciplinare nell’ipotesi in cui, venendo meno al principio

Utilizzazione dell’ internet aziendale e licenziamento [Cassazione]

Con sentenza n. 14862 del 15 giugno 2017, la Cassazione ha affermato la legittimità di un licenziamento per giustificato motivo soggettivo nei confronti di un lavoratore che aveva utilizzato l’ internet aziendale per

Inps, indennità di tirocinio nell’ambito del Piano Italiano di attuazione della “Garanzia Giovani” – Mess. n. 6789/2014

In adempimento del Piano “Garanzia Giovani”, alcune Regioni hanno manifestato la volontà di affidare all’Inps l’erogazione dell’ indennità di tirocinio : l’Istituto – con il messaggio n. 6789/2014 – pubblica l’apposito schema

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento