Aran: salario accessorio per una Pa su tre

image_pdfimage_print

breaking_newsSe nel pubblico impiego la contrattazione di primo livello è bloccata da anni non è così per quella di secondo livello, in cui si decide del salario accessorio, ovvero della parte retributiva legata a premi, indennità e progressioni economiche. Basti pensare che nei primi sei mesi del 2016 sono stati firmati oltre 7mila contratti: l’intesa, quindi, risulta essere stata raggiunta già in un’amministrazione su tre. Questo il quadro che emerge dal monitoraggio dell’Aran, l’agenzia che rappresenta il governo nelle trattative.

Nel pubblico impiego sul salario accessorio, che riguarda soprattutto premi e progressioni economiche, si registra il raggiungimento di un’intesa nella quasi totalità dei casi (98,7%). Secondo il monitoraggio dell’Aran, il ricorso all’atto unilaterale appare, infatti, residuo, limitato all’1,3% del totale (95 atti contro 7.070 contratti). L’Aran ricorda che, stando al Testo unico sul lavoro pubblico, “gli atti unilaterali possono essere adottati al fine di assicurare la continuità e il migliore svolgimento della funzione pubblica, qualora non si raggiunga l’accordo per la stipulazione di un contratto collettivo integrativo”.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento