Conguaglio di fine anno: modalità e chiarimenti dall’Inps

L’Inconguaglio_ps, con la circolare n. 237 del 30 dicembre 2016, fornisce chiarimenti e precisazioni in ordine alle modalità da seguire per lo svolgimento delle operazioni di conguaglio, relative all’anno 2016, finalizzate alla corretta quantificazione dell’imponibile contributivo, anche con riguardo alla misura degli elementi variabili della retribuzione.

Oltre che con la denuncia di competenza del mese di dicembre 2016, il cui pagamento scade il prossimo 16 gennaio, i datori di lavoro potranno effettuare le operazioni di conguaglio in argomento, anche con quella di competenza di gennaio 2017, il cui pagamento scade invece il 16 febbraio 2017, attenendosi sempre alle modalità indicate con riferimento alle singole fattispecie.

Tenendo presente che dal 2007 i conguagli possono riguardare anche il TFR al Fondo di Tesoreria e le misure compensative, si ricorda che le relative operazioni potranno essere inserite anche nella denuncia di febbraio 2017 (scadenza di pagamento 16 marzo 2017), senza aggravio di oneri accessori. Al tempo stesso resta è obbligatorio il versamento o il recupero dei contributi dovuti sulle componenti variabili della retribuzione nel mese di gennaio 2017.

Per alcune categorie di dipendenti pubblici, ovvero per il personale iscritto al Fondo Pensioni per le Ferrovie dello Stato e al Fondo di quiescenza ex Ipost, la sistemazione della maggiorazione del 18% prevista dall’art. 22 della legge n. 177/1976 potrà avvenire anche con la denuncia del mese di “febbraio 2017”.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 315 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

INPS: Occupati e disoccupati – novembre 2018

Pubblichiamo la nota mensile dell’Istat, del 9 gennaio 2018, sull’andamento dell’occupazione in Italia a novembre 2018. A novembre 2018 la stima degli occupati risulta sostanzialmente stabile rispetto a ottobre; anche il tasso di

INPS: l’Osservatorio sul precariato con i dati di luglio 2018

L’INPS ha pubblicato, in data 20 settembre 2018, i dati di luglio 2018 dell’Osservatorio sul precariato. Le assunzioni nel settore privato, nel periodo gennaio-luglio 2018, sono state 4.597.299, in aumento del 6,5% rispetto allo stesso

MISE: parte il credito d’imposta per la formazione 4.0

Il Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministero dell’Economia delle Finanze ed il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 143 del

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento