Anpal: accordo quadro per le politiche attive per il lavoro 2017

Anpal: accordo quadro per le politiche attive per il lavoro 2017

Nella seduta della Conferenza permanente Stato Regioni del 22 dicembre 2016, è stato approvato, all’unanimità, l’accordo quadro tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano in materia di politiche attive per il lavoro per il 2017.

In continuità con l’impegno già assunto per il 2015 e il 2016, è stata confermata la fondamentale importanza e la necessità di un forte rilancio delle politiche attive del lavoro a livello nazionale, riconoscendo un ruolo strategico ai centri per l’impiego.

Il Governo si è impegnato a coprire i 2/3 dei costi di funzionamento dei centri per l’impiego, pari a 210 milioni di euro, e si è anche impegnato a sostenere il confronto delle Regioni con l’Unione Europea per assicurare l’accesso a 4 milioni di euro tra POR FSE 2014-2020 e PON FSE dello stesso periodo.

Le amministrazioni coinvolte, inoltre, si sono impegnate per la definizione di un piano congiunto di rafforzamento dell’erogazione delle politiche attive, mediante l’utilizzo coordinato di risorse, contenute nei Piani Operativi Nazionali e Regionali, nel rispetto delle attuali allocazioni delle risorse e nel rispetto dei Regolamenti dell’Unione Europea in materia di fondi strutturali.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1255 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

La Gig economy, quei lavoratori dimenticati e senza tutele

Nel contesto di un’economia messa a dura prova dalla crisi e le sue ripercussioni, si è sviluppato un nuovo sistema di rapporti lavorativi e lavoratori: la cosiddetta Gig economy. Si

Sharing economy, la prima proposta per regolarla

C’è già chi l’ha ribattezzata Sharing Economy Act: è la proposta di legge bi o addirittura tripartisan elaborata dall’intergruppo parlamentare «Innovazione» e presentata alla Camera appena qualche giorno fa con

Dl Poletti : le modifiche del Parlamento agevolano il lavoro tramite agenzia

Somministrazione a tempo senza limiti per l`impresa. II limite massimo di durata di 36 mesi non si applica al contratto di somministrazione a termine per l’utilizzatore, ossia per l’azienda che

1 Commento

  1. Avv Patrizia valeri
    Gennaio 04, 22:14 Reply

    Complimenti vivissimi per le vostre informazioni…sono interessata ad essere aggiornata nella materia distacco lavoratori UE! Grazie infinite e

Lascia un commento