Anpal: accordo quadro per le politiche attive per il lavoro 2017

Anpal: accordo quadro per le politiche attive per il lavoro 2017

Nella seduta della Conferenza permanente Stato Regioni del 22 dicembre 2016, è stato approvato, all’unanimità, l’accordo quadro tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano in materia di politiche attive per il lavoro per il 2017.

In continuità con l’impegno già assunto per il 2015 e il 2016, è stata confermata la fondamentale importanza e la necessità di un forte rilancio delle politiche attive del lavoro a livello nazionale, riconoscendo un ruolo strategico ai centri per l’impiego.

Il Governo si è impegnato a coprire i 2/3 dei costi di funzionamento dei centri per l’impiego, pari a 210 milioni di euro, e si è anche impegnato a sostenere il confronto delle Regioni con l’Unione Europea per assicurare l’accesso a 4 milioni di euro tra POR FSE 2014-2020 e PON FSE dello stesso periodo.

Le amministrazioni coinvolte, inoltre, si sono impegnate per la definizione di un piano congiunto di rafforzamento dell’erogazione delle politiche attive, mediante l’utilizzo coordinato di risorse, contenute nei Piani Operativi Nazionali e Regionali, nel rispetto delle attuali allocazioni delle risorse e nel rispetto dei Regolamenti dell’Unione Europea in materia di fondi strutturali.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1281 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

IOLAVORO Torino – Generazione Vincente presente alla 23° edizione

IOLAVORO Torino. Generazione Vincente S.p.A. parteciperà il 4 e il 5 Dicembre alla 23° edizione di Torino di IOLAVORO, manifestazione dedicata all’incontro tra domanda e offerta di lavoro. IOLAVORO Torino.

Unioncamere: 250 mila contratti in agosto, ma il 30% delle figure sono difficili da reperire

Dalle stime del Bollettino mensile del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal sono circa 250 mila i contratti di lavoro che le imprese dell’industria e dei servizi intendono

Un mercato spaccato in due nella radiografia dei consulenti del lavoro

Gli immigrati lavorano più degli italiani. Nelle grandi città, il tasso d’occupazione degli stranieri (66,6%) è mediamente superiore di 9 punti percentuali rispetto a quello dei connazionali. È la principale sorpresa che emerge

1 Commento

  1. Avv Patrizia valeri
    Gennaio 04, 22:14 Reply

    Complimenti vivissimi per le vostre informazioni…sono interessata ad essere aggiornata nella materia distacco lavoratori UE! Grazie infinite e

Lascia un commento