Ho una collaborazione con pensionato prorogata ogni anno. Nel 2014 con cambio normative fu fatta una proroga sino al 12/17. Posso continuare alle condizioni previste dalla cir. 03/2016?

Ho una collaborazione con pensionato prorogata ogni anno. Nel 2014 con cambio normative fu fatta una proroga sino al 12/17. Posso continuare alle condizioni previste dalla cir. 03/2016?

 

È anomalo un contratto di collaborazione che preveda una proroga di 3 anni e potrebbe essere fatta oggetto di verifica.
Le consiglierei, comunque, di risolvere consensualmente il rapporto di collaborazione e di riproporre una collaborazione, ai sensi della nuova normativa, sempreché non siano presenti le esclusioni previste dall’art. 2 del D.L.vo 81/2015.
Potrebbe essere anche il caso di prevedere una stabilizzazione del rapporto con assunzione a tempo indeterminato. I vantaggi sono duplici: da una parte si “blinda” il passato da verifiche ispettive e dall’altro c’è la possibilità di usufruire dello sgravio contributivo biennale che va a compensare la maggiore contribuzione per il dipendente.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 578 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Quali sono le ripercussioni nel caso in cui una azienda stipuli un contratto a part-time con un orario settimanale inferiore rispetto al limite previsto dal CCNL applicato?

Instaurare un contratto di lavoro che non rispetta quanto indicato dalla contrattazione collettiva potrebbe avere le seguenti ripercussioni: L’INPS potrebbe richiedere la contribuzione sul minimo di ore previste dal contratto

Sono una lavoratrice che si è dimessa ma non ha provveduto a convalidare le dimissioni così come previsto dalla normativa. Le dimissioni sono comunque valide? Se ritengo di aver commesso un errore nel presentarle, posso revocarle?

L’efficacia delle dimissioni dipende sia dalla convalida attuata secondo quanto previsto dalla c.d. Riforma del Lavoro (direttamente sul modulo di dimissioni inviato al Centro per l’impiego, ovvero andando

Un’azienda chiede la possibilità di variare ad un apprendista la mansione nel corso del periodo formativo. A questo punto ci chiedevamo quali adempimenti l’azienda deve predisporre perché la variazione non comporti alcun rischio per l’azienda e per il lavoratore.

Ritengo che la modifica possa avvenire esclusivamente rivedendo il Piano formativo individuale previsto per l’apprendista e semprechè il periodo di apprendistato già fruito non sia “evidente”. Dopodiché, per avere un imprimatur

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento