Ho una collaborazione con pensionato prorogata ogni anno. Nel 2014 con cambio normative fu fatta una proroga sino al 12/17. Posso continuare alle condizioni previste dalla cir. 03/2016?

Ho una collaborazione con pensionato prorogata ogni anno. Nel 2014 con cambio normative fu fatta una proroga sino al 12/17. Posso continuare alle condizioni previste dalla cir. 03/2016?
image_pdfimage_print

 

È anomalo un contratto di collaborazione che preveda una proroga di 3 anni e potrebbe essere fatta oggetto di verifica.
Le consiglierei, comunque, di risolvere consensualmente il rapporto di collaborazione e di riproporre una collaborazione, ai sensi della nuova normativa, sempreché non siano presenti le esclusioni previste dall’art. 2 del D.L.vo 81/2015.
Potrebbe essere anche il caso di prevedere una stabilizzazione del rapporto con assunzione a tempo indeterminato. I vantaggi sono duplici: da una parte si “blinda” il passato da verifiche ispettive e dall’altro c’è la possibilità di usufruire dello sgravio contributivo biennale che va a compensare la maggiore contribuzione per il dipendente.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 488 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Sull’incentivo all’ esodo va pagata la contribuzione agli istituti previdenziali ?

No. Dalla retribuzione imponibile sono escluse le somme corrisposte in occasione della cessazione del rapporto di lavoro, al fine di incentivare l’ esodo dei lavoratori. L’indicazione fornita dal legislatore è

Cosa si intende per lavoratori discontinui ?

Assumono la caratteristica di lavoratori discontinui quei prestatori che svolgono la loro attività attraverso un impegno non continui e che, di conseguenza, godono durante l’orario di momenti di inoperosità, oltre

E’ legittimo il licenziamento del dipendente disabile per superamento del periodo di comporto ?

La risposta è positiva a meno che le assenze per malattia siano la conseguenza di un comportamento del datore di lavoro che ha assegnato il dipendente a mansioni non compatibili

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento