Agricoltura: Italia leader nel settore dei legumi bio

Agricoltura: Italia leader nel settore dei legumi bio

I terreni e i legumi rappresentano un’unione che protegge l’ambiente e, al tempo stesso, migliora la produttività. I legumi, infatti, sono colture resistenti dal punto di vista ambientale ed essenziali per gli ecosistemi biologici, che offrono cibi ad alto contenuto nutrizionale alle persone. Da questo punto di vista, quindi, è ancor più rilevante il dato che emerge dall’Annuario statistico dell’Agricoltura 2016 pubblicato da Eurostat: l’Italia è il Paese europeo con maggiore proporzione (il 20%) di aziende agricole con superficie biologica dedicata ai legumi secchi.

Nell’anno internazionale dei legumi della FAO, il rapporto dedica un capitolo specifico a questa coltura, che dal 2013 al 2015 ha guadagnato il 64% di superfici nell’Ue grazie alla riforma della politica agricola comune (Pac).  Il Consiglio della FAO, che rappresenta gli Stati membri dell’Organizzazione, ha fornito le Linee guida volontarie per una gestione sostenibile del suolo: un insieme di tecniche e raccomandazioni per la tutela del più grande serbatoio di carbonio al mondo. Le linee guida, da attuare a tutti i livelli, costituiscono il principale strumento per promuovere la gestione sostenibile del suolo e aumentarne la salute.

I legumi acquistano, così, una fondamentale importanza; essi fissano l’azoto nei terreni e sono una delle opzioni disponibili nell’ambito delle pratiche “verdi” promosse dalla Pac, alla cui applicazione è vincolato il 30% degli aiuti diretti Ue agli agricoltori.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1255 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

GIOVANI IN AGRICOLTURA

Opportunità di lavoro in agricoltura per 20 mila giovani dopo l’approvazione in sede europea di tutti i Programmi di sviluppo rurale. Coldiretti annunzia che i primi bandi per i giovani

Agrifree Recruiting Day – III Ed.: Focus lavoro e legalità nella filiera agroalimentare [San Giorgio Jonico (TA)]

Registrando un’incidenza più elevata nel centro sud, senza risparmiare realtà settentrionali, il Caporalato è un fenomeno dilagante che lede intere comunità agricole. I nuovi strumenti legislativi di contrasto al Caporalato

Ceta: sale l’export grano italiano, ancora polemiche sul glifosato

Il Ceta è un bene per il settore agroalimentare italiano. Stando a quanto rileva l’Ufficio Studi Cia-Agricoltori Italiani, passato un altro mese dall’applicazione provvisoria del trattato di libero scambio con

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento