Istat: retribuzioni +0,5% in un anno

image_pdfimage_print

istatA novembre l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie è aumentato dello 0,1% rispetto al mese precedente e dello 0,5% nei confronti di novembre 2015. Lo comunica l’Istat segnalando come complessivamente, nei primi undici mesi del 2016 la retribuzione oraria media è cresciuta dello 0,6% rispetto al corrispondente periodo del 2015. Nel settore privato c’è un incremento tendenziale dello 0,7% (0,3% nell’industria e 1,2% nei servizi privati) mentre si conferma la variazione nulla per quelli della pubblica amministrazione.

I settori che presentano gli incrementi annui maggiori sono: commercio (2,0%); alimentari, bevande e tabacco (1,8%); energia elettrica e gas (1,4%). Oltre alla P.A. si registrano retribuzioni ferme nei settori dell’agricoltura, delle estrazioni minerali, del legno, carta e stampa; dell’energia e petroli, delle chimiche, della metalmeccanica, dei servizi di informazione e comunicazione e delle telecomunicazioni

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Lavoro: boom di voucher nei primi 10 mesi del 2016

L’Inps, nell’Osservatorio sul precariato, ha osservato che nel periodo gennaio-ottobre 2016 sono stati venduti 121,5 milioni di voucher destinati al pagamento delle prestazioni di lavoro accessorio, del valore nominale di

PIRANI (UILTEC) SU RINNOVI CONTRATTI

“Solo nel nostro settore di competenza, sono circa 600-700mila i lavoratori che ancora attendono il rinnovo del contratto nazionale di lavoro. Se a settembre alla ripresa del confronto non ci

UFFICIO BILANCIO: C’E’ PIU’ LAVORO

Segnali positivi arrivano dal mercato del lavoro che mostra “una marcata reattività al ciclo economico”. I dati, osserva l’Ufficio parlamentare di bilancio nella sua nota congiunturale, indicano che, contrariamente alle

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento